Home . Sostenibilita . Best Practices . In aumento raccolta di oli lubrificanti usati in provincia di Biella

In aumento raccolta di oli lubrificanti usati in provincia di Biella

411 tonn di oli lubrificanti raccolte nel 2016 su un totale di 16.602 tonn nella Regione Piemonte

BEST PRACTICES
In aumento raccolta di oli lubrificanti usati in provincia di Biella

In provincia di Biella nel 2016 sono state 411 le tonnellate di oli lubrificanti usati raccolte, su un totale di 16.602 tonnellate recuperate nella Regione Piemonte. Sono i dati resi noti dal Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati nella conferenza stampa che si è tenuta nell’ambito di CircOLIamo, la campagna educativa itinerante che punta a sensibilizzare l’opinione pubblica e le amministrazioni locali sul corretto smaltimento dei lubrificanti usati.

Questa mattina i ragazzi delle scuole hanno visitato il villaggio CircOLIamo partecipando agli educational loro dedicati e sfidandosi a “Green League”, il progetto che prevede un sistema di giochi online finalizzati all’educazione ambientale.

“Accogliamo con soddisfazione la presenza del Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati oggi a Biella – dichiara il vice sindaco e assessore all’Ambiente Diego Presa - Abbiamo apprezzato molto il lavoro a favore della raccolta differenziata, che fa onore alla città e che insieme stiamo conducendo con l’obiettivo del 75%”.

Nel 2016 il Consorzio, che coordina l’attività di 74 aziende private di raccolta e di quattro impianti di rigenerazione distribuiti sul territorio nazionale, ha raccolto in tutta Italia 177.000 tonnellate di olio lubrificante usato, un risultato vicino al 100% del potenziale raccoglibile, con un dato di prodotto avviato a rigenerazione superiore al 95%.

Risultati importanti, ma bisogna fare di più. C’è ancora una parte, infatti, che ancora sfugge alla raccolta, concentrata soprattutto nel ‘fai da te’: in questo senso, il supporto delle amministrazioni locali è fondamentale per una sempre maggiore diffusione di isole ecologiche adibite anche al conferimento degli oli lubrificanti usati. CircOLIamo è una campagna a zero emissioni, perché la quantità di Co2 generata sarà compensata attraverso interventi di forestazione in grado di assorbire la Co2 immessa in atmosfera.

Il primo “CircOLIamo” fu realizzato nel 1994 e quella del 2015-17 è la prima campagna a zero emissioni, perché la quantità di Co2 generata sarà compensata attraverso interventi di forestazione in grado di assorbire la Co2 immessa in atmosfera. L’acquisto dei crediti, effettuato dal Consorzio, verrà intestato alla scuola che totalizzerà il maggior numero di punti durante il torneo “Green League CircOLIamo 2017”: la scuola vincitrice nel 2017 diventerà così “paladina” del Parco fluviale del Po e dell’Orba, contribuendo all’acquisto di 9 alberi da piantare e alla loro cura per tutta la durata della loro vita.

Telefonando al numero verde del Consorzio, 800 863 048 o collegandosi al sito www.coou.it, è possibile avere informazioni su come smaltire correttamente il proprio olio usato e il recapito del raccoglitore più vicino. L’olio usato può essere estremamente dannoso per l'ambiente e per la salute umana: 4 kg d'olio - il cambio di un'auto - se versati in acqua inquinano una superficie grande quanto un campo di calcio.

Ma questo rifiuto costituisce al contempo una importante risorsa economica per il nostro Paese, perché può essere rigenerato e tornare a nuova vita con le stesse caratteristiche del lubrificante da cui deriva; dal 1984 ad oggi la rigenerazione dell’olio lubrificante ha consentito un risparmio complessivo di 3 miliardi di euro sulle importazioni di petrolio del nostro Paese.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI