Home . Sostenibilita . Best Practices . Pile esauste, la raccolta corretta parte dagli studenti. In prima linea Politecnico Milano e Erp Italia

Pile esauste, la raccolta corretta parte dagli studenti. In prima linea Politecnico Milano e Erp Italia

BEST PRACTICES
Pile esauste, la raccolta corretta parte dagli studenti. In prima linea Politecnico Milano e Erp Italia

(Fotolia)

Un progetto universitario di sensibilizzazione ambientale, sviluppato in partnership con Erp Italia, che raggiungerà 38.000 studenti e circa 5.500 tra dipendenti e collaboratori grazie all’installazione di 25 contenitori per la raccolta delle pile esauste nelle due sedi del Politecnico di Milano: la sede storica di Città Studi con 17 contenitori e la sede di Bovisa con 8.

Il progetto-pilota, attualmente in fase di sviluppo e che sarà possibile realizzare grazie ad un accordo tra Erp Italia (sistema collettivo di raccolta di rifiuti di apparecchiature elettriche e rifiuti di pile e accumulatori) e Amsa (Azienda Milanese Servizi Ambientali) prevede la collocazione, oltre ai contenitori, anche di cartelloni didattico-divulgativi ed è previsto lo svolgimento di un tirocinio per monitorare e analizzare i risultati ottenuti.

La collaborazione tra Erp Italia e il Politecnico di Milano è stata presentata nel corso del convegno “Gestione dei Raee, delle pile e degli accumulatori in Italia. Come implementare localmente in modo efficiente le Direttive Europee” che si è svolto a Milano nell’Aula Magna del Politecnico di Milano, sede di Città studi, nell'ambito del Festival dello Sviluppo Sostenibile.

Il progetto "fa parte del nostro impegno di sensibilizzazione attiva nei confronti dei cittadini, in questo caso gli studenti, mettendo a disposizione un importante know-how acquisito nel corso degli anni”, dichiara Alberto Canni Ferrari, Country General Manager di Erp Italia.

Per Graziano Dragoni, direttore generale del Politecnico di Milano, "la corretta raccolta differenziata dei rifiuti rappresenta un obiettivo importante per l’Ateneo. Siamo fiduciosi che la partnership con Erp Italia ci consentirà di sensibilizzare con maggior efficacia la popolazione politecnica, con riferimento all’ambito dei Raee e in particolare delle pile esauste”.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI