Home . Sostenibilita . Best Practices . La città in cui si vive meglio al mondo? E' Vienna

La città in cui si vive meglio al mondo? E' Vienna

BEST PRACTICES
La città in cui si vive meglio al mondo? E' Vienna

(Fotolia)

La città in cui si vive meglio al mondo? Secondo la ventesima edizione dell’indagine Mercer Quality of Living è Vienna, e lo è per il nono anno consecutivo grazie a mezzi di trasporto pubblici ad alta sicurezza e ben strutturati e una varietà di strutture culturali e ricreative. L'Europa si conquista il podio: nella classifica, subito dopo la capitale austriaca vengono Zurigo, Auckland e Monaco di Baviera (terze parimerito).

La città con la qualità della vita più alta del Nord America è Vancouver, al quinto posto della classifica generale; Singapore e Montevideo sono rispettivamente le città più alte nel ranking in Asia e in America Latina, rispettivamente al 25esimo e 77esimo.

E L'Italia? In 42 esima posizione c'è Milano, mentre per trovare Roma bisogna scorrere l’indice fino alla posizione 57, la stessa del 2017. La Capitale 'perde' nel confronto con Milano su alcuni fattori come contesto economico, disponibilità di alloggi, servizi pubblici e trasporti. Tra le due città c'è poi un distacco sul tema dei servizi igienico-sanitari, in particolare nel settore dei rifiuti. Milano invece corrisponde alla Capitale in termini di opportunità di svago, scuole internazionali, servizi telefonici, postali e bancari.

Più in generale, guardando alle città italiane nel complesso, le prime 20 edizioni dell’indagine Mercer registrano un miglioramento in termini di stabilità e una maggiore facilità di ingresso e uscita per i cittadini stranieri all'interno del Paese.

Quest'anno poi c'è anche una classifica specifica sui servizi sanitari urbani (“City Sanitation”) che analizza le infrastrutture per la rimozione dei rifiuti e delle acque reflue, i livelli di malattie infettive, l'inquinamento atmosferico, la disponibilità e la qualità dell'acqua. Honolulu guida questa speciale classifica, seguita da Helsinki e Ottawa.

La ricerca Mercer ha come obiettivo quello di aiutare le multinazionali e le grandi aziende a retribuire in modo equo i dipendenti che ricoprono incarichi internazionali, attraverso comparazioni su base omogenea e di fornire indicazioni utili ai Paesi sulla propria attrattività nei confronti della comunità economica.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI