Home . Sostenibilita . CSR . Sostenibilità, Pecoraro Scanio: "Bene il Manifesto della Csr"

Sostenibilità, Pecoraro Scanio: "Bene il Manifesto della Csr"

'servirà a far capire agli italiani che e' una cosa seria, ma serve misurabilità'

CSR

"Bene un Manifesto della Csr, un'iniziativa molto importante che, spero, servirà a far capire agli italiani che la Csr (responsabilità sociale d'impresa, ndr) è una cosa seria e non va confusa con una semplice attività di beneficienza". Così all'Adnkronos Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della Fondazione UniVerde, commenta il lancio del 'Milano Csr Manifesto' annunciato da Diana Bracco, presidente della Fondazione Sodalitas e commissario generale del Padiglione Italia di Expo 2015.

"In Italia - aggiunge Pecoraro Scanio - è però fondamentale che alla Csr si accompagni la misurabilità delle azioni di responsabilità sociale delle imprese, per fare in modo che non si traducano in un mero adempimento burocratico o, peggio ancora, in un'attività di 'green washing'".

Gli strumenti per farlo ci sono: "primi fra tutti trasparenza e accessibilità, anche grazie alle nuove potenzialità del web - spiega Pecoraro Scanio - cosa che aiuterebbe anche le imprese più virtuose". D'altra parte, "gli studi dimostrano che le aziende socialmente responsabili fanno anche più profitto perché creano migliori condizioni anche al proprio interno".

E siccome "la Csr prevede fattori sociali, etici ed ambientali - aggiunge Pecoraro Scanio - e visto che la Bracco è responsabile del padiglione italiano, sarebbe bene mettere in rete gli elementi di responsabilità sociale che il padiglione italiano pensa di portare avanti. Io - conclude - ho chiesto che il padiglione italiano fosse un'eccellenza Ogm free e della qualità italiana dell'agricoltura, richiesta condivisa con Carlo Petrini".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI