Home . Sostenibilita . CSR . Fusti in Pet e meno Co2, la birra alla spina è sempre più green

Fusti in Pet e meno Co2, la birra alla spina è sempre più green

Carlsberg Italia presenta il bilancio di sostenibilità

CSR
Fusti in Pet e meno Co2, la birra alla spina è sempre più green

(Fotogramma)

La birra alla spina piace ai consumatori ed è sempre più green. I numeri arrivano da Carlsberg Italia, l’azienda italiana di Carlsberg Group, che ha presentato ResponsiBEERity, l’edizione 2015 del proprio bilancio di sostenibilità (disponibile da oggi sul sito www.carlsbergitalia.it/bds2015), che racconta le performance aziendali nel 2015 e anche nel periodo 2011-2015. I dati parlano chiaro: in 5 anni +20% di produzione birra, 100% dei rifiuti avviati al recupero e 28.000 tonnellate di CO2 non immessa nell’atmosfera grazie al sistema di spillatura della birra DraughtMasterTM,che utilizza fusti in Pet al posto dei tradizionali in acciaio e che non utilizza COo2 aggiunta.

DraughtMasterTM, spiega Alberto Frausin, amministratore delegato di Carlsberg Italia, “si conferma la nostra più grande innovazione: ha rivoluzionato il segmento della birra alla spina, ha avuto un impatto dirompente sul mercato ed è l’elemento accelerante del nostro impegno verso l’ambiente”. Un impegno che trova conferma anche nei numeri: “ormai oltre l’80% delle nostre birre in fusto è distribuito nei fusti in Pet”.

Inoltre, da un' analisi Lca, ossia sul ciclo di vita de prodotto, emerge che, il fusto in Pet ha un'impronta ambientale inferiore rispetto alla bottiglia in vetro. “Ma non si tratta solo di numeri” commenta Frausin che aggiunge: “i vantaggi del fusto Pet rispetto al vetro riguardano anche la qualità e la freschezza della birra. Mentre in bottiglia una birra va consumata subito, nei fusti in Pet rimane inalterata fino a 31 giorni dopo l’apertura”.

Nel 2015 Birrificio Angelo Poretti è stato scelto come Birra Ufficiale di Padiglione Italia a Expo 2015. Durante i sei mesi della manifestazione sono stati oltre 1.000.000 gli ospiti entrati nella “Piazzetta della Birra”: qui hanno gustato 350.000 birre di 11 tipologie differenti e hanno preso parte ad un 'laboratorio' di confronto e dialogo, realizzato con l’aiuto di AstraRicerche, attraverso 1.500 interviste personali, da cui sono emersi i pensieri e le abitudini dei consumatori su tematiche come sostenibilità, prodotto e trend di consumo.

Grazie al progetto Orologio degli Alberi, ideato in collaborazione con Legambiente e Iefe Bocconi, i 25.000 kg di CO2 risparmiati grazie alla spillatura delle birre in Piazzetta tramite DraughtMasterTM sono stati convertiti in 1.150 alberi (calcolati secondo la formula certificata un albero ogni 3 fusti), piantumati poi in Lombardia come lascito al territorio.

Carlsberg Italia oggi produce e commercializza oltre 1,3 milioni di ettolitri di birra a marchi Carlsberg, Tuborg, Birrificio Angelo Poretti, Kronenbourg 1664, Grimbergen, Feldschlösschen.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI