Home . Sostenibilita . CSR . 'Share a meal', una ricetta contro lo spreco e la fame nel mondo

'Share a meal', una ricetta contro lo spreco e la fame nel mondo

Iniziativa contro lo spreco e la fame nel mondo

CSR

Una ricetta contro lo spreco alimentare e la fame nel mondo. Si chiama 'Share the meal' ed è la sfida al cambiamento che Knorr e Unilever Italia con World Food Programme Italia lanciano in occasione della Settimana Mondiale dell’Alimentazione (16-20 ottobre).

Consiste nel creare, e condividere su www.shareameal.it, la propria ricetta 'anti-spreco' a partire dagli alimenti in scadenza o dagli avanzi di cibo in frigorifero o dispensa. Attraverso lo stesso sito (shareameal.it/dona), poi, è possibile fare una donazione per sostenere il Programma 'School Meals' del World Food Programme, che fornisce pasti scolastici ai bambini più bisognosi del Kenya.

"L’iniziativa 'Share a meal' si propone di sensibilizzare gli italiani sul paradosso attuale del cibo: ogni giorno 1/3 di tutti gli alimenti prodotti viene sprecato (Rapporto di Unep e World Resources Institute) mentre 815 milioni di persone, pari all'11% della popolazione mondiale, soffrono ancora la fame (Sofi Report) - spiega Vincenzo Sanasi d’Arpe, presidente del Wfp Italia - Grazie all’impegno di Unilever, con cui abbiamo una pluriennale collaborazione, e a tutte le persone che sceglieranno di aderire a questa iniziativa, vogliamo garantire ai bambini e alle bambine delle scuole più povere del mondo cibo nutriente, istruzione e salute".

L’iniziativa 'Share a meal' si inserisce all’interno del sostegno di Knorr al Programma 'School Meals': la collaborazione è stata avviata nel 2014 e ha già permesso di donare 3,2 milioni di pasti nelle scuole del Kenya.

"Quest’anno, insieme al Wfp Italia, abbiamo deciso di sviluppare un progetto che fosse quanto più vicino possibile alle persone, partendo proprio da una delle loro passioni più forti, la cucina e la creazione di ricette. Speriamo quindi di poterne coinvolgere il più alto numero possibile per dare un contributo ancora più grande", spiega Angelo Trocchia, presidente e amministratore delegato di Unilever Italia.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI