Il Bilancio di Sostenibilità di FNM

Mobilità integrata, efficientamento energetico e sviluppo del welfare: sono gli impegni del Gruppo FNM per garantire lo sviluppo sostenibile del business, raccontati nel Bilancio di Sostenibilità 2017, documento che rendiconta iniziative e risultati raggiunti in ambito economico, sociale e ambientale, approvato per la prima volta quest’anno dal consiglio di amministrazione insieme al Bilancio Consolidato 2017, in adempimento all’obbligo di rendicontazione delle informazioni non finanziarie previsto dal Decreto Legislativo 254/2016.

Ridotto l’impatto ambientale del Gruppo: i consumi di energia elettrica ad alta tensione di Ferrovienord per la trazione dei treni sono scesi del 4,6% mentre lo stabile di Cadorna ha ridotto del 6,1% l’uso di energia elettrica. L’illuminazione a Led è ora presente nel 38% delle stazioni. I consumi di gasolio per trazione di materiale rotabile su ferro e su gomma hanno subito una diminuzione del 6,9% mentre per riscaldamento il 6,6%.

Sul fronte delle emissioni, il Gruppo ha registrato una diminuzione del 5,9% delle emissioni dirette di CO2. L’utilizzo di bus più ecologici ha permesso di ridurre del 44% le emissioni di particolato e del 39% di ossidi di azoto.

Capitolo mobilità integrata e sostenibile: inaugurate sei nuove velostazioni, parcheggi coperti, custoditi e videosorvegliati accessibili gratuitamente tramite badge che favoriscono l’utilizzo della bicicletta per raggiungere la stazione. E-Vai, il car sharing ecologico di FNM, ha raggiunto quasi i 41.000 iscritti (+6,6%) e grazie all’uso di vetture elettriche è stata evitata l’emissione di 92t di CO2.

L’impegno di FNM per le pari opportunità ha portato all’adesione alla piattaforma “Women in Transportation – EU platform for change” per valorizzare la presenza femminile in un settore storicamente a forte prevalenza maschile. Oggi il Gruppo conta 221 donne, pari al 18% della forza lavoro con un aumento del 27% delle figure femminili in posizioni di rilievo (dirigenti e quadri) nella holding.

Per lo sviluppo e la formazione del personale il Gruppo ha erogato oltre 33.000 ore di formazione (26,88 pro-capite). 51 le nuove assunzioni nel 2017. Il 99% del personale ha un contratto a tempo indeterminato.

Sul fronte del potenziamento della flotta, la società FNMA ha acquistato 11 autobus Euro 6, di cui nove in già in servizio nel 2017 e due arrivati a gennaio 2018, che garantiscono consumi ed emissioni minori. Per quanto riguarda accessibilità delle stazioni e potenziamento della rete, sull’intera linea Brescia-Iseo-Edolo di Ferrovienord è stato attivato il Sistema di Supporto alla Condotta per la circolazione ferroviaria che si aggiunge ai sistemi automatici già in uso. Potenziata la stazione di Paderno Dugnano, con l’eliminazione di un passaggio a livello e la realizzazione di due sottopassi di stazione con nuove banchine innalzate e pensiline.

“Il Bilancio di Sostenibilità ribadisce tutto il nostro impegno per garantire uno sviluppo sostenibile al nostro business, in ogni settore che ci vede impegnati, a iniziare dal rafforzamento del servizio – commenta il vice presidente di FNM Fabrizio Garavaglia - Quest’anno infatti il Gruppo FNM ha dato immediatamente seguito al finanziamento straordinario di Regione Lombardia di 1,6 miliardi di euro dando avvio a tre distinte gare per l’acquisto di 161 nuovi treni destinati a rinnovare il parco rotabile a disposizione dell’utenza”.

“Questo documento – aggiunge Garavaglia - dimostra, inoltre, come in FNM la sostenibilità non riguardi solamente i temi legati alla mobilità ma sia parte integrante di tutti i processi aziendali. Sostenibilità, per FNM, riguarda gli aspetti legati ai temi ambientali ma anche economici, sociali e di un nuovo e più inclusivo rapporto con i territori e gli stakeholder”.