Home . Sostenibilita . CSR . Guerra a sprechi e rifiuti. L'impegno di Costa Crociere

Guerra a sprechi e rifiuti. L'impegno di Costa Crociere

Nel 2017 -4,4% rifiuti a bordo, -2% consumo acqua. Obiettivo -50% sprechi alimentari al 2020

CSR
Guerra a sprechi e rifiuti. L'impegno di Costa Crociere

Rifiuti prodotti per passeggero al giorno ridotti del 4,4%, consumi idrici giù del 2% e l'obiettivo, da raggiungere al 2020, di ridurre del 50% gli sprechi alimentari, attraverso il programma 4GoodFood. Sono gli obiettivi, raggiunti e da raggiungere a bordo, di Costa Crociere, raccontati nel Bilancio di Sostenibilità 2017 “Sea You Tomorrow – Rotta verso il futuro”. Il documento presenta la strategia e il piano programmatico della compagnia crocieristica italiana in ambito di sostenibilità, descrivendo i principali progetti e i risultati raggiunti nel 2017.

In questa edizione, vengono pienamente recepiti e integrati gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDG’s) fissati dall’Agenda 2030 definita dall’Onu per promuovere lo sviluppo responsabile a livello globale. Obiettivi che "rappresentano per noi una straordinaria opportunità e ci offrono un quadro di riferimento all’interno del quale operare insieme per ricercare soluzioni mai sperimentate, promuovere nuove forme di economia e costruire nuovi scenari", commenta Neil Palomba, direttore generale di Costa Crociere.

Le tre sezioni in cui è suddiviso il Bilancio di Sostenibilità di Costa Crociere (Sea, You e Tomorrow) affrontano rispettivamente i temi della tutela dell’ambiente, della creazione di valore condiviso e dell’innovazione responsabile (tra cui con le due nuovi navi alimentate a Lng, cioè gas naturale liquefatto, che entreranno in servizio nel 2019 e nel 2021).

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI