Home . Sostenibilita . CSR . Al lavoro senza auto, 40 dipendenti tagliano 160 kg di CO2 al giorno

Al lavoro senza auto, 40 dipendenti tagliano 160 kg di CO2 al giorno

A fare il calcolo e l'esperimento è la società di consulenza Methodos Italia nella sede milanese

CSR
Al lavoro senza auto, 40 dipendenti tagliano 160 kg di CO2 al giorno

(Fotolia)

Al lavoro senza auto? Basta un giorno per fare del bene all'ambiente. Se 40 dipendenti di un ufficio o un'azienda optassero per mezzi pubblici o bici, al posto dell'auto privata, potrebbero evitare 160 kg di emissioni di CO2. Grosso modo, circa 800 kg di emissioni in meno in una settimana e 40 tonnellate di anidride carbonica risparmiate in un anno lavorativo, prendendo in considerazione l’uso di un’auto a benzina di media cilindrata per ciascun dipendente.

A fare il calcolo, in occasione della Settimana Europea della Mobilità, è la società di consulenza Methodos. Che ha fatto di più. I dipendenti della sede milanese hanno sperimentato tutti i modi, anche creativi, per evitare l’auto privata: bicicletta, treno, tram, bus, metropolitana, e poi bike e car sharing e mezzi a impatto zero come motorino elettrico, monopattino, pattini e airwheel (la ruota elettrica per muoversi in città).

Per un giorno, i dipendenti di Methodos Italia li hanno adottati tutti per spostarsi a Milano. Poi hanno fatto i calcoli. E i numeri sono ancora più grandi se si pensa che all’iniziativa hanno aderito anche le altre società di Methodos Group,in Germania e Francia, e Digital Attitude, la start-up innovativa di Methodos per il digitale.

Al di là dell’impatto ambientale ridotto, quello che Methodos ha voluto sottolineare è la necessità di ripensare gli spostamenti in un’ottica di sostenibilità, conciliazione vita-lavoro, benessere e produttività. La società milanese è infatti specialista nell’ambito del change management, accompagna cioè le aziende che affrontano processi di cambiamento organizzativo.

"Lo spostamento casa-lavoro è uno dei primissimi punti analizzati nel nostro modello Employee Journey Experience – spiega Giuseppe Geneletti, Head Smart Working di Methodos – In questo percorso, che parte dall’ascolto delle esigenze e delle aspettative dei dipendenti, emerge che il viaggio per andare e tornare dall’ufficio è vissuto con stress, può porre problemi di conciliazione con la vita familiare e, se si analizzano le performance aziendali, a volte risulta un boomerang per la produttività. Il tempo passato in auto nel traffico è letteralmente buttato via, se si pensa che oggi ci sono strumenti e tecnologie che consentono di spostarsi meglio o addirittura, nel caso dello smartworking, di non spostarsi affatto".

Ecco perché Methodos aiuta le aziende ad adottare misure che favoriscono la mobilità dolce: dall’inserimento degli abbonamenti ai mezzi o al bike e car sharing fra i benefit o nel welfare aziendale, fino all’adozione di tecnologie e modelli organizzativi che facilitano il lavoro da remoto.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.