Home . Sostenibilita . In Privato . Cosmetici solidi contro lo spreco idrico, la soluzione di Lush

Cosmetici solidi contro lo spreco idrico, la soluzione di Lush

IN PRIVATO
Cosmetici solidi contro lo spreco idrico, la soluzione di Lush

Eliminando l’acqua e realizzando cosmetici solidi, Lush (il brand di cosmetici freschi fatti a mamo) combatte lo spreco idrico e l’inquinamento ambientale; la sola produzione e vendita di shampoo solidi, a livello globale, evita lo spreco di 1.350.000 litri d’acqua all’anno, abbattendo i costi ambientali in termini di produzione, trasporto e smaltimento di packaging.

Solo con gli shampoo solidi, l'azienda risparmia al pianeta 15 milioni di bottiglie di plastica ogni anno, imballaggi che non devono quindi essere prodotti, riciclati o smaltiti. Grazie a questi prodotti inoltre è possibile ridurre l’inquinamento ambientale attraverso l'ottimizzazione dei trasporti: un camion di shampoo solido equivale a 15 camion di shampoo liquido, e produce di conseguenza 15 volte meno inquinamento e traffico.

Usando i burri solidi per il corpo privi di packaging, in un anno non sono finiti in discarica 1572 Kg di imballaggi inutili (nel periodo di riferimento che va da maggio 2014 a giugno 2015). Ma dove il packaging è necessario, questa azienda sceglie confezioni a basso impatto ambientale: tutti i vasetti neri e le bottigliette sono realizzate in plastica 100% riciclata, mentre per i prodotti nudi sono state realizzate delle scatolette in metallo 100% riciclato, un packaging permanente riutilizzabile all’infinito.

Tutti i prodotti solidi Lush sono privi d’acqua, elemento in cui proliferano i batteri, e di conseguenza privi di conservanti. L'azienda ha infatti creato cosmetici autoconservanti sfruttando le proprietà degli ingredienti naturali per mantenerli freschi e ostacolare la proliferazione dei batteri. Attualmente il 65% dei prodotti Lush è totalmente autoconservante.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI