Home . Sostenibilita . In Privato . Effetto 'seconda mano', in Italia 6,1 mln t CO2 in meno nel 2016

Effetto 'seconda mano', in Italia 6,1 mln t CO2 in meno nel 2016

IN PRIVATO
Effetto 'seconda mano', in Italia 6,1 mln t CO2 in meno nel 2016

L'usato fa bene al Pianeta: nel 2016, secondo la ricerca Second Hand Effect condotta da Schibsted Media Group insieme all’Istituto Svedese di Ricerca Ambientale, sono stati risparmiati ben 16,3 milioni di tonnellate di CO2 in 8 Paesi (Italia, Spagna, Francia, Svezia, Norvegia, Finlandia, Ungheria, Marocco) di cui 6,1 milioni nel nostro Paese.

La Lombardia si distingue come Regione più virtuosa con il 16% del totale di CO2 risparmiata in tutta Italia, seguita da Campania, Lazio e, più distanti, Veneto e Piemonte. Questo risparmio di CO2 equivale al traffico di Roma di 18 mesi, a 6,4 milioni di voli andata/ritorno Milano-New York, così come alla produzione di 28 milioni di passeggini o 182,8 milioni di paia di jeans, 9,4 miliardi di tonnellate di pasta. La categoria merceologica di Subito, parte della multinazionale norvegese Schibsted Media Group, che ha permesso il maggior risparmio di anidride carbonica è quella dei Motori, categoria che nel 2016 ha interessato il 30% degli annunci pubblicati sulla piattaforma per un equivalente di 4,9 milioni di tonnellate di CO2 risparmiate (+86% rispetto al 2015).

"La Second Hand Economy e l’effetto che ha sull’ambiente stanno diventando uno stile di vita, contribuendo a salvaguardare il Pianeta per le generazioni future. Sia che i nostri utenti siano spinti da ragioni sociali, dal risparmio economico o dalla passione per il vintage, il riutilizzo contribuisce a ridurre l’impatto ambientale dell’anidride carbonica", commenta Melany Libraro, Ceo di Subito.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI