Sull'isola di Marlon Brando l'eco resort che produce miele bio

Un sistema di aria condizionata alimentato da acqua di mare ed energie rinnovabili ricavate dal sole e dall’olio di cocco; utilizzo di materiali di origine locale certificata, rinnovabili o costituiti da componenti riciclate; un sistema idrico indipendente a basso consumo energetico, un innovativo sistema di gestione delle acque reflue per l’irrigazione, un programma di riutilizzo e compostaggio. E adesso anche la produzione di miele biologico. Succede sull’atollo di Tetiaroa, l'isola che Marlon Brando acquistò, nella Polinesia francese, nel 1965, dopo le riprese del film “Gli ammutinati del Bounty”.

Qui si trova un eco-resort di lusso, il primo al mondo ad ottenere la certificazione Leed Platinum, il più alto riconoscimento in campo di energie e design ambientale. Il resort, che non a caso si chiama The Brando, ha avviato quattro anni fa un programma di apicoltura biologica con il supporto dell’apicoltore Stéphane Brouttier installando su una delle piccole isole ('motu') che lo compongono, la Onetahi, quindici arnie dalle quali furono prodotti nella prima stagione 73 kg di miele.

Il progetto è cresciuto di anno in anno e oggi sono presenti arnie in tre dei tredici diversi motu che compongono l’atollo di Tetiaroa, ognuno con un suo particolare ecosistema: 40 a Hiraanae, 3 su Reiono e 5 su Onetahi, accanto alla honey farm e all’orto biologico. Ciascuna può ospitare tra le 30.000 e le 40.000 api. Il risultato è un miele scuro che deve il suo aroma caratteristico ai fiori delle piante autoctone come il kahiaia, il mikimiki e la palma da cocco, o quello dalle tonalità più chiare del motu Reiono, data la presenza di fiori di pu’atea (pisonia grandis). L’ultimo raccolto è stato straordinario, pari ad una produzione di 375 kg di miele.

Miele ma non solo. Sull’isola è presente una stazione per la ricerca scientifica in collaborazione con la Tetiaroa Society, il cui scopo è studiare come proteggere gli atolli tropicali e condividere le conoscenze acquisite con programmi educativi per gli ospiti.

Dalla sua apertura, The Brando ha sempre messo al primo posto la tutela e la salvaguardia dell’isola di Tetiaroa e della sua laguna, operando nel rispetto dei più alti principi di sostenibilità ambientale. Uno dei principali obiettivi di The Brando è la neutralizzazione delle emissioni di carbonio. Inoltre, il resort si propone quale ambasciatore di un programma di acquisto di carbonio bilanciato per alimentare i veicoli preposti agli spostamenti fra le isole ma anche per i voli intercontinentali.

Tutto ispirato alla visione originale di Marlon Brando di una joint venture di sviluppo sostenibile, volta a promuovere l’opportunità di conoscere sia i luoghi sia la popolazione della Polinesia francese.