Home . Sostenibilita . In Pubblico . Pa, "400mila posti di lavoro da impegno per 'green building'"

Pa, "400mila posti di lavoro da impegno per 'green building'"

IN PUBBLICO

"Un impegno concreto per il 'green building' potrebbe generare 400mila posti di lavoro e portare a un risparmio di 1,2 miliardi all'anno di spesa di consumi energetici per la Pa". La stima è delle principali Associazioni del settore dei servizi di Facility Management che hanno promosso un 'Manifesto' per chiedere al governo "semplificazione e qualità nelle gare" per gli appalti di servizi per la gestione dei patrimoni pubblici al fine di "garantire risparmio, legalità ed efficienza".

Il comparto dei servizi di 'Facility Management' per la gestione e la valorizzazione dei patrimoni immobiliari e urbani delle Pa (manutenzione, pulizia, igiene ambientale, energia, security, logistica, ecc...), cui appartengono migliaia di Pmi e diversi grandi operatori - rileva una nota - rappresenta un settore economico in crescita (+10,4% nel solo 2012), con un forte impatto in termini occupazionali (2,5 milioni di occupati potenziali). "Numeri importanti che potrebbero crescere ulteriormente se il Paese adottasse politiche ad hoc volte alla 'riqualificazione' del patrimonio pubblico esistente", rilevano le associazioni.

Da qui nasce il 'Manifesto del mercato dei servizi per i patrimoni immobiliari e urbani pubblici' promosso dalle principali Associazioni del settore - Afidamp, Assistal, Confcooperative, Fise Anip, Fnip, Legacoop Servizi - con il supporto scientifico di Patrimoni Pa net.

Attraverso il Manifesto le Associazioni chiedono al governo e al Parlamento che il nuovo Codice degli Appalti, che scaturirà dal disegno di legge per il recepimento delle direttive europee sugli appalti attualmente in discussione alla VIII Commissione del Senato, "sia davvero lo strumento che sblocchi la situazione attuale, permettendo alle Pa di manutenere, mettere in sicurezza e rendere efficiente il patrimonio immobiliare e urbano pubblico del nostro Paese".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI