Home . Sostenibilita . In Pubblico . Georischi, tre giorni per promuovere la cultura ambientale nelle scuole

Georischi, tre giorni per promuovere la cultura ambientale nelle scuole

Domani la Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle scuole

IN PUBBLICO

"E' stato firmato un protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale dei Geologi e il Miur per la promozione della cultura geologica e ambientale nelle scuole di ogni ordine e grado". Così il presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi, Francesco Peduto. L’effetto del protocollo è immediato: per tre giorni, a partire da oggi e fino al 23 novembre, i geologi saranno nelle scuole italiane per divulgare la cultura geologica e domani in tutta Italia si terrà la Giornata Nazionale per la Sicurezza nelle scuole.

"Con questo protocollo - spiega - i geologi daranno il loro contributo, attraverso una serie di attività finalizzate alla diffusione della cultura della sicurezza nelle scuole italiane, in particolare per quanto riguarda la prevenzione dei georischi, con il coinvolgimento diretto anche dei tanti geologi che svolgono anche attività di docenza nelle scuole. Il Consiglio Nazionale dei Geologi vuole perseguire in maniera congiunta al Miur, obiettivi finalizzati ad una maggiore conoscenza del territorio e dei rischi ad esso connesso".

"Domani i geologi saranno nelle scuole - prosegue Peduto - parleranno ad alunni e docenti. Abbiamo sempre detto che in un Paese soggetto a tutti i georischi, sismico, idrogeologico e vulcanico, la prevenzione è fondamentale e deve iniziare dalle scuole. L’obiettivo è quello di diffondere con la cultura geologica le Scienze della Terra e, soprattutto, conoscenza e consapevolezza dei georischi: una società informata getta le basi per una futuro migliore".

I geologi nelle scuole, dunque, nell'anniversario del terremoto dell'Irpinia del 23 novembre 1980. "La speranza è che questo Paese tragga finalmente lezione - sottolinea Domenico Angelone, consigliere nazionale dei geologi - da quanto è accaduto in Irpinia prima e a L’Aquila poi. Una cosa però è estremamente certa: in Italia i terremoti ci sono stati, ci sono oggi e continueranno ad esserci. Dobbiamo imparare a convivere con tali georischi e possiamo farlo solo con la divulgazione della cultura geologica. Non possiamo costruire scuole sicure senza che vi sia una conoscenza geologica".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI