Home . Sostenibilita . In Pubblico . In Giappone accordo per la costruzione di stazioni di idrogeno

In Giappone accordo per la costruzione di stazioni di idrogeno

IN PUBBLICO
In Giappone accordo per la costruzione di stazioni di idrogeno

E' stato annunciato in Giappone l'accordo fra undici grandi società - fra cui i costruttori automobilistici Toyota, Honda e Nissan per la costruzione su larga scala di stazioni di idrogeno, una infrastruttura cruciale per sostenere la diffusione di vetture dotate di Fuel Cell.

L'iniziativa - si legge in una nota - parte da quanto previsto dal governo giapponese nella "Roadmap strategica per l'idrogeno e le fuel cell" che stabilisce l'obiettivo di raggiungere, in Giappone, un totale di 160 stazioni di rifornimento e 40 mila vetture ad idrogeno entro il 2020.

L'accordo "riconosce la strategicità della diffusione delle stazioni ad idrogeno per assicurare una più rapida ed omogenea diffusione delle vetture dotate di fuel cell, ed individua nella cooperazione delle citate aziende la chiave per raggiungere tale scopo". Per accelerare il processo, le compagnie stanno valutando la creazione di una nuova società: in ogni caso non è esclusa in futuro l'apertura alla collaborazione di altre aziende.

Il primo modello di serie che già sfrutta la tecnologia Fuel Cell è la Toyota Mirai, di cui sono già in circolazione a livello globale più di 3 mila esemplari, con forti previsioni di crescita.

Per l'introduzione di Mirai in Italia - ricorda Toyota - è atteso l'aggiornamento della normativa relativa all'erogazione dei gas, a seguito del recepimento della Direttiva per la costruzione di infrastrutture per i combustibili alternativi grazie alla quale l’Italia ha deciso che entro il 2025 dovrà essere costruito un numero adeguato di stazioni di rifornimento nelle quali sarà possibile rifornire i serbatoi a 700 bar, in tutta sicurezza.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI