La tutela degli animali diventa attività di utilità sociale

La Legge sul Terzo Settore riconoscerà ufficialmente la tutela degli animali e la prevenzione del randagismo fra “le attività di interesse generale per il perseguimento, senza scopo di lucro, di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale”. Lo prevede l’articolo 3 dello Schema di Decreto Legislativo, pubblicato dal Governo uscente come integrazione alla Legge 117 del 2017.

Ad esprimere soddisfazione è la Lav, ricordando che le associazioni animaliste erano già state riconosciute organizzazioni di volontariato o Enti Morali oppure Onlus, ma con questo atto ufficiale, come recita la relazione illustrativa del provvedimento, si certifica “la circostanza che, nella prassi, partecipano già attivamente al Terzo Settore e di esso sono considerate una particolare componente”.