Home . Sostenibilita . Risorse . Disoccupazione oltre il 12% e troppi 'Neets'

Disoccupazione oltre il 12% e troppi 'Neets'

RISORSE

Un gran fossato separa l'Italia dalla Germania sul fronte delle condizioni sociali. La Penisola si rivela essere una società sempre meno inclusiva con forti diseguaglianze generazionali. Lo rileva Ambiente Italia 2014, rapporto annuale di Legambiente realizzato in collaborazione con l'Istituto Ambiente Italia, quest'anno dedicato all'Ambiente in Europa, che verrà presentato domani a Roma.

Per quanto riguarda il tasso di occupazione della popolazione tra i 20 e i 64 anni, in Italia è del 61%, un valore in discesa dal 2008 (63%) e che si ''stacca'' da quello dell'Unione Europea (68,5%) e della Germania (76,7%). Il tasso di occupazione femminile tra i 20 e i 64 anni in Italia è del 50,5% contro il 62,4% della media Ue e il 71,5% della Germania. Resta poi il problema della disoccupazione che supera il 12%, ma non molto sopra la media europea (11%). In crescita il livello di giovani che non lavorano né studiano né sono attivi disoccupati (i Neets) che si attesta al 25% rispetto al 10,8% di quello tedesco.

L'Italia è diventata, inoltre, uno dei Paesi europei con il più alto tasso di esclusione sociale che nel 2012 ha raggiunto il 29,9%, contro il 19,6% della Germania. Per quanto riguarda il mondo dell'istruzione solo il 21,7% dei giovani si laurea tra i 30-34 anni contro il 32% della Germania e contro il 43,6% della Francia. La spesa ricerca e sviluppo sul Pil è pari all'1,27% contro una media europea dello 2,06% e il 3% della Germania.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.