Home . Sostenibilita . Risorse . Tutti all'Expo, ma da turisti responsabili

Tutti all'Expo, ma da turisti responsabili

il decalogo del Wwf per turisti e visitatori 'green'

RISORSE
Tutti all'Expo, ma da turisti responsabili

Raggiungere Milano con i mezzi pubblici, compensare la Co2 emessa con gli eventuali spostamenti in aereo, fare sempre la raccolta differenziata, privilegiare alberghi green, eliminare gli sprechi di cibo, seguire le proposte della società civile, visitare i parchi attorno al sito espositivo e fare la spesa nei mercati agricoli: sono alcuni tra i 10 consigli che il Wwf ha stilato per chi visiterà Expo 2015 e vuole farlo in modo responsabile.

Il vademecum, che sarà disponibile anche in inglese, parte naturalmente dal viaggio: meglio in treno o in autobus, per non contribuire alla crescita delle emissioni di Co2 (il 5% di quelle mondiali è causata dalle attività turistiche, di cui il 40% dagli aerei e il 32% dalle automobili) e se si decide di usare l'auto si può sempre sfruttare la formula car pooling. Le emissioni generate dal viaggio possono essere compensate affidandosi a ClimateCare, organizzazione che si occupa proprio di compensare le emissioni degli aerei.

Anche la scelta dell'alloggio può contribuire a rendere la visita all’Expo più amica dell'ambiente: ci sono molte strutture ricettive eco-friendly e tanti agriturismi in Lombardia tra cui scegliere, magari tra quelli certificati Ecolabel Ue. Un aiuto sul sito Wonderful Expo. Il Padiglione della Società Civile ha stretto una partnership con la start-up Strade (Sistema Turistico Rete Accoglienza Diffusa), per gestire l’accoglienza di visitatori e organizzazioni che saranno presenti a Cascina Triulza.

Spostarsi a Milano con i mezzi pubblici è facile: 5 le linee metropolitane (compreso il passante ferroviario) e tanti i mezzi pubblici che coprono la superficie urbana. Sul sito dell’Atm si trovano tutte le informazioni. E poi la città è 'piatta', ideale per muoversi a piedi o in bicicletta.

Attenzione a acqua, cibo e rifiuti: in tutto il sito espositivo ci sono ben 32 casette dell’acqua per dissetarsi senza sprecare. E a proposito di spreco, il consiglio è di non comprare alimenti che non verranno consumati subito, fare attenzione alle porzioni e ordinare solo ciò che si mangia.

I rifiuti vanno separati correttamente: i filmati sui totem informativi riporteranno i risultati del Contatore Ambientale che indica quanta energia, materia prima, acqua e Co2 si sta risparmiando con la raccolta differenziata.

Il Wwf e la società civile si incontrano a Cascina Trivulza, sede del Padiglione della Società Civile: il consiglio è quello di visitarlo. Appuntamento da non mancare a Milano, poi, è l'Expo dei Popoli (3-5 giugno), il forum internazionale della società civile e dei movimenti contadini, ma vale la pena di consultare anche i programma "Expo in città" del Comune e Camera di Commercio di Milano.

Il Parco Agricolo Sud Milano che accoglie oltre 1400 aziende agricole è una tappa d’obbligo: dal 2008 è sede del Distretto di Economia solidale. Per acquistare prodotti agricoli a Km zero ideali i mercati contadini degli agricoltori associati alla Confederazione italiana agricoltori e i mercati di Campagna Amica di Coldiretti . Infine, Expo può essere l'occasione per andare alla scoperta della natura protetta: poco distante dall'Expo c'è l'Oasi Wwf di Bosco di Vanzago.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI