Home . Sostenibilita . Risorse . Wwf: "Tigri e gorilla a rischio per bracconaggio e infrastrutture selvagge"

Wwf: "Tigri e gorilla a rischio per bracconaggio e infrastrutture selvagge"

RISORSE
Wwf: Tigri e gorilla a rischio per bracconaggio e infrastrutture selvagge

(Xinhua)

"In Asia la Tigre non è minacciata solo dal bracconaggio". Lo denuncia un rapporto del Wwf secondo cui la popolazione delle tigri è messa in pericolo anche dal boom nella costruzione di infrastrutture, con la previsione di migliaia di km di strade e ferrovie. Secondo il Wwf, infatti, gli 11.000 km di nuove vie di trasporto frammenterebbero gli habitat della tigre, impedendo loro di spostarsi da un’area all’altra alla ricerca di cibo.

Secondo le ultime stime il numero delle tigri è salito dalle 3.200 del 2010 alle 3.890 attuali. Il Wwf ha lanciato dal 2011 la campagna TX2, che ha l’obiettivo di raddoppiare il numero delle tigri entro il 2022, il prossimo Anno della tigre nel calendario cinese.

Ma i problemi non si fermano all’Asia. In Africa, denuncia il Wwf, il gorilla di Cross River (Gorilla gorilla diehli, la sottospecie di gorilla in assoluto più minacciata al mondo) è a rischio per una grande strada che, se realizzata, taglierebbe letteralmente in due l'habitat montano di questi primati, in pieno Parco nazionale di Cross River in Nigeria. Appena 300 di questi primati sopravvivono in questa piccola area di foresta pluviale ai confini con il Camerun.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI