Home . Sostenibilita . Risorse . Biogas e biometano, team internazionale valuterà benefici economici e ambientali

Biogas e biometano, team internazionale valuterà benefici economici e ambientali

dal punto di vista ambientale ed economico, i risultati dello studio entro un anno

RISORSE
Biogas e biometano, team internazionale valuterà benefici economici e ambientali

(Fotolia)

È possibile produrre biocarburanti da biomasse agricole in Italia senza competere con le produzioni alimentari, e con quali potenzialità? Un gruppo di lavoro internazionale cercherà di dare risposte concrete sugli impatti economici e ambientali, approfondendo le caratteristiche del biogas italiano e valutandone la possibile applicazione in altri contesti internazionali e “agro-ecologici”.

Il team internazionale sarà coordinato da Bruce Dale, docente della Michigan University, e sarà composto da alcuni agricoltori e ricercatori italiani ed esperti di fama internazionale, tra cui i professori Kurt Thelen della Michigan State University, Tom Richard della Pennsylvania State University, Jorge Hilbert del National Institute of Agricultural Technology of Argentina e Jeremy Woods dell’Imperial College di Londra.

Il gruppo di esperti e accademici internazionali e italiani concluderà il suo lavoro entro un anno. I risultati saranno presentati nella prossima edizione di Biogas Italy.

Secondo il Consorzio Italiano Biogas produrre energia dalla terra senza competere con le produzioni alimentari non è soltanto possibile ma anche auspicabile. E' possibile mediante un crescente e sempre più efficiente utilizzo di biomasse di integrazione (sottoprodotti agricoli o agroindustriali, effluenti zootecnici, colture vegetali su terreni lasciati nudi); è auspicabile perché un digestore in un’azienda agricola crea le condizioni per nuovi mercati dell’energia, ma anche per modificare le pratiche agricole, riducendone costi ed emissioni.

Precision farming, concimazione organica, rotazioni diversificate, utilizzo degli effluenti e dei sottoprodotti in digestione anaerobica permettono infatti alle aziende di migliorare la loro posizione competitiva e di ottenere una riduzione dell’inquinamento e delle emissioni anche superiore al 100% rispetto ai combustibili fossili.

Il Consorzio Italiano Biogas ha pubblicato un position paper che stima che il biogas agricolo italiano possa raggiungere una produzione di circa 10 miliardi di metri cubi di gas naturale equivalente, tenendo conto anche del biometano prodotto dalla raccolta dell’umido urbano. Un risultato pari a 1,5 volte l’attuale produzione di gas naturale dai giacimenti fossili.

Ad oggi vengono già prodotti 2,5 miliardi di Nmc, grazie a investimenti che in passato sono stati pari a 4 miliardi di euro e che hanno creato 12 mila nuovi posti di lavoro.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI