Home . Sostenibilita . Risorse . Contro la pesca illegale, Sea Shepherd porta a termine 'Operazione Siracusa'

Contro la pesca illegale, Sea Shepherd porta a termine 'Operazione Siracusa'

Il bilancio, 31 interventi contro la pesca illegale nell'area marina protetta del Plemmirio

RISORSE
Contro la pesca illegale, Sea Shepherd porta a termine 'Operazione Siracusa'

Si è appena conclusa l’Operazione Siracusa di Sea Shepherd Italia che ha visto l’impegno di 32 volontari a tutela dell’area marina protetta del Plemmirio che hanno collaborato a stretto contatto con gli agenti della Guardia di Finanza, Guardia Costiera, Carabinieri, Polizia di Stato, Polizia Ambientale e dell’Ente Parco. Lo scopo di Operazione Siracusa è tutelare, in particolare, i ricci marini e la cernia bruna.

In totale sono stati 31 gli interventi effettuati in oltre 45 giorni di azione diretta che hanno permesso alle forze dell’ordine di identificare, verbalizzare e denunciare all’autorità giudiziaria malintenzionati, ai quali è stata sequestrata l’attrezzatura da pesca e quella subacquea, perché trovati intenti in azioni illegali all’interno dell’area integrale dove è vietata qualsiasi azione da parte dell’uomo.

Quattro i subacquei colti in flagranza di reato intenti a pescare, illegalmente, ricci di mare. Molte le attrezzature sequestrate tra le quali reti, palangari e canne da pesca, queste ultime, di bracconieri intenti a pescare dalla scogliera di fronte alla zona a tutela integrale.

Nel corso di Operazione Siracusa è stato presente il trimarano “Brigitte Bardot” che, nei quattro fine settimana trascorsi, ha accolto a bordo oltre 900 visitatori curiosi di conoscere, oltre l’imbarcazione, le attività e l’impegno di Sea Shepherd per la tutela degli Oceani e dell’ambiente marino in generale.

Costituita nel 1977, Sea Shepherd è un'organizzazione internazionale senza scopo di lucro la cui missione è fermare la distruzione dell'habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo al fine di conservare e proteggere l'ecosistema e le differenti specie. Sea Shepherd pratica la tattica dell'azione diretta per investigare, documentare, agire, mostrare al mondo e impedire le attività illegali in alto mare.

Sea Shepherd opera in alto mare con la sua flotta formata da nove navi i cui nomi sono dedicati ai sostenitori che ne hanno reso possibile l’acquisizione. Sea Shepherd è impegnata su più fronti, sia in mare che a terra: dalla salvaguardia delle foche della Groenlandia, alla protezione dei delfini nella Baia di Taiji in Giappone. Da 12 anni l’organizzazione è impegnata nel salvare le balene dagli arpioni della flotta baleniera illegale giapponese. In dieci anni di campagne la “Flotta di Nettuno” ha salvato la vita di oltre 6.000 balene.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI