Home . Sostenibilita . Risorse . Ibis eremita in viaggio, atterraggio in Italia è d'emergenza

Ibis eremita in viaggio, atterraggio in Italia è d'emergenza

RISORSE
Ibis eremita in viaggio, atterraggio in Italia è d'emergenza

Ingresso in Italia con atterraggio di emergenza per i 31 ibis eremita in viaggio verso le temperature miti della Toscana, guidati dalle due mamme adottive a bordo di due ultraleggeri. Lo rende noto il Parco Natura Viva di Bussolengo, unico partner italiano del progetto di reintroduzione in natura dell'ibis eremita.

Giunti all’altezza di Merano ieri pomeriggio, nel mezzo della terza tappa che avrebbe dovuto condurre lo stormo dal Tirolo austriaco a Cavalese (Trento), un’aquila ha attaccato il gruppo a 1.700 metri di quota, provocando momenti di disorientamento nella formazione di volo. A nulla è valso il tentativo di ridurre l’altitudine per evitare il rapace: lo stormo ha optato per un atterraggio di emergenza a Meltina, 28 km a sud di Merano. Manovra perfettamente riuscita, tutti gli ibis eremita stanno bene e sono in attesa di riprendere la rotta di svernamento.

Nella serata di ieri, sulle montagne che dominano Bolzano a 1.200 metri di quota, il Waldrappteam e il Parco Natura Viva hanno allestito un campo che ha portato però alcuni stravolgimenti necessari alle soste in programma: salta la tappa di Cavalese e anche quella di Belluno, si riparte venerdì 25 agosto per andare a sud e fermarsi nei pressi di Thiene (Vicenza). Da lì, si riprenderà la rotta consueta verso la valle del Delta del Po.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI