Home . Sostenibilita . Risorse . Maxi progetto di raccolta pile esauste nei Comuni a nord di Cuneo

Maxi progetto di raccolta pile esauste nei Comuni a nord di Cuneo

Dal 14 settembre al 27 ottobre 2017

RISORSE
Maxi progetto di raccolta pile esauste nei Comuni a nord di Cuneo

Al via nei Comuni dell’Albese Braidese un maxi programma (dal 14 settembre al 27 ottobre) di raccolta a domicilio delle pile esauste organizzato, per il quarto anno consecutivo, da Erp Italia e dal Consorzio Albese Braidese Servizi Rifiuti (Co.A.B.Se.R.).

Quest’anno l’iniziativa, con il patrocinio della Città di Alba, risulta estesa all’intero bacino territoriale servito dal Co.A.B.Se.R: un’area a Nord di Cuneo che comprende 55 Comuni e include circa 170.000 residenti, oltre 50.000 nuclei familiari.

Obiettivo: superare i volumi raccolti negli anni precedenti. Inaugurata nel 2014 con un risultato finale di 2,13 tonnellate di pile esauste, infatti, l’iniziativa ambientale è cresciuta di anno in anno sino a toccare, nell’edizione 2016, quota 5,97 tonnellate.

Rispetto alle edizioni precedenti, Erp Italia e Co.A.B.Se.R. hanno ampliato e potenziato il sistema di raccolta. Nelle sei settimane di operatività dell’iniziativa, infatti, i residenti avranno a disposizione un numero maggiore di contenitori stradali per il conferimento delle pile, dislocati nei pressi di scuole e di altri edifici pubblici, e un dettagliato calendario dei giorni di raccolta consultabile anche sul sito internet del Consorzio all’indirizzo www.coabser.it/raccolte_comuni.html.

Contenitori dalle forme più vivaci e 'a misura di bambino' saranno collocati all’interno di 15 plessi scolastici in cui avranno luogo attività didattiche e di sensibilizzazione ambientale concordate con la dirigenza d’istituto e il personale docente.

"Da tre anni le comunità della Provincia di Cuneo sono protagoniste di una risposta costantemente superiore alle aspettative, dimostrandosi ricettive e generose nel collaborare alla raccolta e al riciclo delle pile, tra i più piccoli e spesso trascurati rifiuti legati all’energia e all’elettronica di consumo", sottolinea Alberto Canni Ferrari, Country General Manager di Erp Italia.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI