Home . Sostenibilita . Risorse . Assisi, al via 'Dalla terra alla Terra'. Al centro Laudato Si'

Assisi, al via 'Dalla terra alla Terra'. Al centro Laudato Si'

Padre Domenico Paoletti, ecologia integrale contro visioni settoriali

RISORSE
Assisi, al via 'Dalla terra alla Terra'. Al centro Laudato Si'

Tutto nel mondo, nella nostra "Casa Comune", è in relazione, ogni cosa è connessa. La crisi ecologica? "È il sintomo di un'emergenza antropologica", per questo "non può esserci ecologia senza un'adeguata antropologia". È l'ecologia integrale la visione, centrale nell'enciclica Laudato Si', da contrapporre alle "ecologie settoriali" (antropocentrismo, animalismo, naturalismo): così Padre Domenico Paoletti, vicario della Custodia del Sacro Convento, aprendo oggi "Dalla terra alla Terra. Il suolo tra cambiamenti climatici e nuovi stili di vita", organizzato dal Cic (Consorzio Italiano Compostatori) in occasione della Giornata Mondiale del Suolo ad Assisi (4 e 5 dicembre).

"La novità di Laudato Si' consiste nel tratteggiare una visione olistica, unitaria della realtà - spiega Padre Paoletti che dedica il suo intervento di apertura all'Enciclica di Papa Francesco - Tutto è in relazione, questo è il concetto base: degrado umano e ambientale sono connessi, la crisi ecologica non è solo ambientale ma umana".

Ma "l'ecologia integrale richiede una conversione", cioè la capacità di "mettersi in relazione con il prossimo, con il Creato, cioè la Terra, e con Dio". Una conversione che però "richiede una pratica coerente, un richiamo alla responsabilità, un cambiamento di prospettiva e di stili di vita". Una riflessione che parte dall'enciclica Laudato Si' e dalla città di San Francesco, scelta non a caso per ospitare la due giorni del Cic dedicata alla Giornata Mondiale del Suolo.

"Il Poverello - ricorda padre Paoletti - è l'esempio eccellente di un'economia integrale vissuta con gioia, esempio per tutti, anche per chi non crede. Per Francesco, qualsiasi creatura era legata a lui con vincolo di affetto", sottolinea ricordando che Francesco scrisse il suo Cantico delle Creature dopo un lungo percorso di riconciliazione e in un momento di grande sofferenza. "L'ecologia integrale è una prospettiva affascinante ma esigente - conclude - che può essere abbracciata da chi è disposto a cambiare visione".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI