Home . Sostenibilita . Risorse . Rifiuti, nel 2017 raccolte da Ecodom oltre 100mila t di vecchi elettrodomestici

Rifiuti, nel 2017 raccolte da Ecodom oltre 100mila t di vecchi elettrodomestici

Con un beneficio pari a oltre 840mila t di CO2 non immesse in atmosfera

RISORSE

Oltre 100mila tonnellate, esattamente 104.614. A tanto ammontano i Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (Raee) che ha raccolto nel 2017 Ecodom, Consorzio italiano di gestione dei Raee. Una cifra importante pari al peso di 230 Freccia Rossa 1000 da 8 carrozze o di 289 Airbus A380.

Il 61,7% dei materiali è rappresentato da lavatrici, asciugatrici, lavastoviglie, forni, cappe, stufe elettriche, boiler, microonde (raggrupamento R2) e il 37,4% da frigoriferi, congelatori, grandi elettrodomestici per la refrigerazione, la conservazione e il deposito di alimenti (raggruppamento R1).

"Si tratta di un importante traguardo per Ecodom, che dal 2008 continua a migliorare la sua attività non solo in termini di quantità di Raee raccolte, più che triplicate rispetto a dieci anni fa, ma anche per quanto riguarda il riciclo delle materie prime seconde, che oggi si attesta all’88% - afferma Giorgio Arienti, direttore generale di Ecodom - Questi risultati sono possibili anche grazie alla collaborazione di tutti gli attori della filiera, dai cittadini agli enti locali, dalle aziende di igiene urbana ai distributori, dai nostri fornitori di logistica a quelli di trattamento".

Dalle oltre 100mila tonnellate di Raee, Ecodom ha ricavato 64.325.000 kg di ferro, pari a 184 tettoie della Galleria Vittorio Emanuele di Milano, 2.024.000 kg di alluminio, pari a 2 milioni di caffettiere, 2.055.000 kg di rame pari a 2.311.408 km di cavo di rame delle ferrovie e 9.778.000 kg di plastica, pari a 27 milioni di cestini da ufficio.

Il corretto trattamento di questa tipologia di rifiuti ha permesso di risparmiare 102.709.000 kWh di energia elettrica pari ai consumi elettrici domestici annui di una città di 87mila abitanti (come ad esempio la città di Brindisi) e di evitare l’immissione in atmosfera di 841mila tonnellate di anidride carbonica come la quantità di CO2 che verrebbe assorbita in un anno da un bosco esteso quanto la provincia di Lecco.

A livello territoriale la Lombardia è in testa alla classifica per quantità di Raee raccolti (oltre 19mila t), seguita da Emilia Romagna, Toscana e Lazio.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.