Home . Sostenibilita . Risorse . Obiettivo Terra, i 30 scatti finalisti

Obiettivo Terra, i 30 scatti finalisti

Quelle vincitrici saranno annunciate a Roma il 23 aprile

RISORSE
Obiettivo Terra, i 30 scatti finalisti

Uno degli scatti finalisti di Obiettivo Terra 2018, Roberto Alessandrini, Parco Archeologico Storico Naturale delle Chiese Rupestri nel Materano

Selezionate le 30 foto finaliste dell'edizione 2018 del concorso fotografico Obiettivo Terra, dedicato alle bellezze e alle peculiarità dei parchi e delle aree marine protette italiani, promosso da Fondazione UniVerde e Società Geografica Italiana Onlus. (guarda le 30 foto finaliste) A questa nona edizione sono state 1.494 le immagini candidate, arrivate da tutta Italia. Gli scatti vincitori saranno annunciati a Roma, il 23 aprile, alla cerimonia di premiazione a Villa Celimontana.

Per selezionare le opere 30 finaliste rappresentative delle diverse aree protette di tutta la Penisola, il comitato promotore, coadiuvato dal documentarista e naturalista Emanuele Coppola, ha esaminato le 1.494 foto (192 in più rispetto alla precedente edizione), di cui circa la metà pervenute da under 35. Di queste, 1.440 (96%) sono risultate conformi al regolamento e dunque ammesse (le non ammesse sono 54 pari al 4%).

Delle foto ammesse, 534 sono state scattate da donne (37%) e 906 da uomini (63%). Ogni partecipante ha avuto la possibilità di presentare al contest una sola foto a colori di cui: Parchi Nazionali (611 foto, pari al 42% delle foto ammesse), Parchi Regionali (697 foto, pari al 49%) e delle Aree Marine Protette (132 foto, pari al 9%). La foto vincitrice sarà esposta in gigantografia in piazza Barberini a Roma e all'autore dello scatto sarà riconosciuto un premio del valore di 1.000 euro, una targa e la copertina della pubblicazione 2018.

Tra le finaliste non vincitrici del primo premio saranno selezionate, in base ai voti della giuria di esperti, anche le seguenti menzioni: Alberi e foreste, Animali, Area costiera, Fiumi e laghi, Paesaggio agricolo, Turismo sostenibile e la menzione speciale Madre Terra dedicata al 2018 “Anno nazionale del cibo italiano” per la foto più rappresentativa di un prodotto agricolo tipico, di un piatto tradizionale o dell’artigianalità enogastronomica dai parchi.

Le menzioni speciali Borghi, Patrimonio geologico, Earth Daye e Obiettivo Mare saranno decretate dai partner co-promotori di ciascuna menzione. È stata inoltre istituita, per la prima volta, la menzione speciale “Fanpage”. Fino al 10 aprile, attraverso un sondaggio, il pubblico web potrà votare sul quotidiano online Fanpage l’immagine più bella, tra le 30 finaliste.

Oltre ai premi ai partecipanti è previsto un premio speciale, in collaborazione con Fiaba Onlus, all'Area Protetta che si sia maggiormente distinta per favorire l'accessibilità e la fruibilità per le persone con disabilità e a ridotta mobilità. Grazie alla rinnovata partnership con Earth Day Italia Onlus, le foto vincitrici di Obiettivo Terra 2018 saranno mostrate, nel pomeriggio del 23 aprile, sui maxischermi del “Villaggio per la Terra” (Roma, 21-25 aprile, Terrazza del Pincio – Galoppatoio di Villa Borghese).

Obiettivo del concorso fotografico è quello di valorizzare il lavoro quotidiano dei Parchi e delle Aree Marine Protette, orientato alla tutela ambientale, alla salvaguardia della biodiversità, alla difesa delle tipicità locali e permettere la diffusione di un modello di turismo veramente ecosostenibile e responsabile. Il progetto è supportato da Cobat - Consorzio Nazionale Raccolta e Riciclo (main partner del concorso); Clhub (partner tecnico) e dall’associazione Sos Terra Onlus che destinerà una parte del 5x1000 alla prossima edizione del concorso.

Inoltre, grazie alla collaborazione con Pianeta Foresty, anche quest’anno i concorrenti avranno l'occasione di contribuire al rimboschimento di alcune aree italiane attraverso i kit Foresty che tradurranno l’impegno dimostrato da ognuno dei partecipanti, in veri alberi forestali.

L’edizione 2018 di “Obiettivo Terra” ha già ricevuto il patrocinio morale del ministero dell'Ambiente del Comune di Roma, di Federculture, Federparchi e di tutti i Parchi Nazionali d’Italia.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.