Home . Sostenibilita . Tendenze . Usato che passione, agli italiani piace la moda di seconda mano

Usato che passione, agli italiani piace la moda di seconda mano

TENDENZE
Usato che passione, agli italiani piace la moda di seconda mano

Cresce la moda dell’usato, di look green e solidali. Secondo un'indagine Doxa, infatti, il 44% degli italiani sceglie l’usato per passione, unicità, eco-sostenibilità e risparmio. Più di 4 persone su 10 ha venduto e/o comprato qualcosa di usato e il settore della moda è tra le categorie più acquistate nell’ambito della cosidetta Seconf Hand Economy, che ha un fatturato di circa 18 miliardi di euro, pari all’1% del Pil italiano.

Tra gli intervistati da Doxa, il cluster principale (il 33%) è rappresentato da coloro che comprano usato non tanto per soddisfare un bisogno, bensì per passione, per avere un look originale e unico, dando nuovo valore ai capi che non si indossano più.

In Italia c'è la rete dei negozi Humana interamente dedicati alla vendita di vestiti, scarpe e accessori usati per tutte le età, che continua a crescere. Domani, a Roma, sarà inaugurato, in via Tuscolana, 697, il quinto punto vendita in Italia, dopo i due negozi Vintage di Milano e Roma e i due Second Hand di Roma e Torino, in aggiunta ai 440 punti vendita europei.

All'interno del negozio, allestito con materiali di recupero come bancali e assi da ponte, saranno messi in vendita oltre 5.000 capi e centinaia di accessori per donna, uomo e bambino a prezzi accessibili (vestiti donna a partire da 6,90 euro; polo uomo a partire da 3,90 euro; T-Shirt bambino a partire da 1,90 euro): tutti prodotti di qualità donati dai cittadini nei contenitori per la raccolta di indumenti di Humana in 48 province italiane.

Fare shopping nei negozi Humana ha una doppia valenza, partecipare alla tutela dell'ambiente attraverso il riutilizzo degli abiti usato e al contempo contribuire ai progetti solidali di Humana che, grazie alla vendita dei vestiti donati dai cittadini, finanzia i propri interventi sociali in Italia e nel Sud del mondo. Nel 2016, in particolare, i fondi ottenuti dalla vendita dei capi nei nostri punti vendita, consentiranno a Humana di sostenere progetti distruzione in Africa Sub-sahariana e in India.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI