Home . Sostenibilita . Tendenze . Cosmesi ecobio, un mercato globale da 11,6 miliardi di dollari

Cosmesi ecobio, un mercato globale da 11,6 miliardi di dollari

Organic Monitor, l'Italia a quota 320 mln di euro. Vola l'Asia

TENDENZE
Cosmesi ecobio, un mercato globale da 11,6 miliardi di dollari

(Fotolia)

Cresce il mercato globale della cosmesi ecobio e raggiunge quota 11,6 miliardi di dollari nel 2014, con un incremento rispetto al 2013 di oltre il 10%. E' la fotografia scattata da Organic Monitor, società inglese specializzata in ricerche di mercato nel settore bio e naturale.

"Il mercato globale della cosmesi biologica e naturale è stato stimato intorno agli 11,6 miliardi di dollari nel 2014. Un dato che corrisponde ad una quota di mercato del 2% di tutte le vendite di cosmetici", spiega Organic Monitor all'Adnkronos. E il mercato italiano? "Vale circa 320 milioni di euro nel 2014. Si tratta di una quota di mercato del 3%", stima la società britannica.

Non solo. "Ci aspettiamo che la crescita possa proseguire: la quota di mercato di cosmetici biologici e naturali dovrebbe avvicinarsi nei prossimi anni a un 10% in Germania e negli Stati Uniti - spiega la società britannica - Mentre i più alti tassi di crescita percentuale si registrano in Asia dove alcuni mercati nazionali vedono un incremento del 10-20% annuo. Un dato importante è anche l'aumento di standard ed etichette".

Non esiste una definizione di legge per cosmetico ecobio né tantomeno uno standard internazionale condiviso (Iso ne sta ultimando uno in questi mesi). Riferimento per i consumatori sono i sistemi di certificazione ed etichettatura che, pur nelle loro differenze, garantiscono il rispetto di determinati parametri. Organic Monitor definisce "cosmetici naturali e biologici quei prodotti che contengono ingredienti naturali/bio ma anche che evitano sostanze chimiche sintetiche considerate controverse, come parabeni, ftalati, Sls/Sles, ecc... I cosmetici biologici contengono ingredienti bio certificati ed evitano sostanze chimiche sintetiche dubbie".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI