Home . Sostenibilita . Tendenze . Dalla comodità al risparmio, ecco perché si sceglie il carpooling

Dalla comodità al risparmio, ecco perché si sceglie il carpooling

TENDENZE
Dalla comodità al risparmio, ecco perché si sceglie il carpooling

(Fotolia)

È più comodo, permette di risparmiare e ha benefici sull’ambiente: sono questi i motivi per i quali sempre più lavoratori scelgono di condividere l’auto con i colleghi per affrontare il tragitto casa-lavoro. È quanto emerge dal sondaggio che Jojob, player italiano di carpooling aziendale, ha lanciato tra i dipendenti delle oltre 1.200 tra piccole, medie e grandi aziende che in Italia utilizzano il servizio, per conoscere meglio abitudini e preferenze di chi ogni giorno decide di condividere l’auto per raggiungere il posto di lavoro.

A viaggiare a bordo della stessa auto grazie a Jojob sono in media 2,5 persone che condividono una tratta media di 18 km, percorsa mediamente in 30 minuti: si va da tratte di soli 5 minuti, per percorrere 1.3 km, alla più lunga registrata da Jojob di 1 ora e 12 minuti necessaria per affrontare un tragitto casa-lavoro di ben 100 km.

A spingere sempre più lavoratori a scegliere il carpooling di Jojob sarebbero la comodità e la riduzione dello stress nel 36,8% dei casi. A questi si aggiunge una larga fetta di utenti che guarda soprattutto al risparmio (26,3%), seguita da un altro 26,3% che ama semplicemente le chiacchiere tra colleghi e lo spirito di condivisione. Un 10,6% infine tiene a mente anche i benefici che si hanno sull’ambiente: meno auto su strada significa infatti una notevole riduzione della CO2 in atmosfera.

L’affidabilità è la caratteristica ideale di un compagno di viaggio per il tragitto casa-lavoro per il 42,1% dei carpooler, unita alla puntualità (31,6%). Meglio ancora se il viaggiatore o il guidatore è simpatico (15,8%) e cortese (5,3%). Per il 5,2% dei carpooler sono invece necessarie tutte queste caratteristiche insieme.

Il tragitto condiviso è occasione per parlare del più e del meno prima di entrare in ufficio o a fine giornata lavorativa con gli altri colleghi: tra gli argomenti più affrontati in auto nel tragitto casa-lavoro ci sono a pari merito con il 21,1% meteo, famiglia, impegni quotidiani, ma anche vacanze e programmi per il weekend o per il dopo-lavoro o ancora notizie e curiosità che arrivano dal mondo.

Qualcuno non rinuncia a parlare di lavoro (15,8%), mentre il 15,6% afferma di trattare gli argomenti più disparati. Soltanto un 5,3% di jojobber ammette di lasciarsi andare a confidenze personali con i propri compagni di viaggio. Ad essere indagate anche le difficoltà che più spesso affrontano i carpooler viaggiando insieme. Al primo posto la puntualità: il ritardo rispetto all’ora stabilita è ciò che preoccupa il 50% degli utenti.

A seguire, una guida non piacevole è una criticità per il 22,2% dei colleghi. Ma un altro 22,2% sottolinea che nei viaggi condivisi casa-lavoro non ha mai riscontrato alcun problema con i compagni di auto: in particolare, nessuno ha mai lamentato il volume della musica troppo alto o ha penato per conversazioni poco interessanti.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI