Home . Sostenibilita . Tendenze . Non profit, trend positivo per la raccolta fondi

Non profit, trend positivo per la raccolta fondi

Il 36% ha aumentato le entrate totali nel 2016, nessun cambiamento sostanziale per il 42%

TENDENZE
Non profit, trend positivo per la raccolta fondi

(Fotolia)

Continua il trend positivo della raccolta fondi nel non profit. Secondo i dati dell'indagine periodica sull'andamento della raccolta fondi nelle organizzazioni non profit (Onp), realizzata dall'Istituto Italiano della Donazione in collaborazione con Assif, il 36% delle Onp ha aumentato le proprie entrate totali nel 2016, mentre il 42% non ha registrato nessun cambiamento sostanziale. Il numero di Onp che hanno migliorato le loro performance è aumentato del 5%. Solo il 22% ha diminuito le proprie entrate: erano il 27% nel 2014.

L'anteprima dell'indagine (che verrà presentata il 4 ottobre a Roma alla Sala Stampa della Camera dei Deputati in occasione del Giorno del Dono), svolta su un campione di 130 organizzazioni non profit nei mesi di luglio e agosto e riferita ai dati di bilancio 2016 e alle stime e aspettative del 2017, è stata presentata oggi a Milano nel corso del convegno "Donare fa Comunità", tappa milanese del secondo "Giro dell'Italia che Dona", campagna nazionale lanciata dall'Istituto Italiano della Donazione (IID) per il Giorno del Dono fissato per legge il 4 ottobre.

La campagna raccoglie tutte le iniziative realizzate dal 23 settembre all'8 ottobre che, anche quest’anno, hanno superato quota 100, con circa 500 realtà impegnate in attività che hanno come tema centrale il dono in tutte le sue forme.

“È il Paese che vogliamo raccontare - dice il presidente dell’Istituto Italiano della Donazione Edoardo Patriarca - il buon paese che non nega le sue difficoltà, ma comprende che il dono crea comunità ed è una delle risposte più efficaci alle crisi. In questi quindici giorni, con così tante iniziative, vogliamo recuperare il vocabolario del dono che purtroppo oggi ha poca dignità pubblica”.

Per il presidente della Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti, “oggi in Italia l’impegno a donare non è solo un gesto individuale ma direttamente preso in carico dalle comunità e dai territori. La comunità è un territorio fatto da soggetti che hanno un senso di appartenenza. Da quel senso di appartenenza dobbiamo ripartire”.

I dati delle donazioni da privati anticipati dall’IID hanno trovato una conferma anche nell’intervento del sottosegretario al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Luigi Bobba: le dichiarazioni dei redditi del 2016 sul 2015 parlano infatti di un aumento del 10% delle donazioni alle onlus (oggi enti del Terzo Settore), ma anche alle ong e agli istituti scolastici, ricavati dalle detrazioni fiscali per le erogazioni liberali. L’aumento è frutto anche dell’innalzamento del tetto fino a 30.000 euro per le donazioni detraibili stabilito dal Governo nel 2015.

“I contenuti della riforma del terzo settore - sottolinea Bobba - possono essere una leva potenziale per incrementare e qualificare i percorsi del dono”. Gli appuntamenti del Giorno del Dono 2017 proseguono questa settimana e troveranno il culmine la prossima settimana a Roma con l’udienza privata del 2 ottobre che le scuole vincitrici del video-contest #DonareMiDona avranno con Papa Francesco in Vaticano e l’evento clou del 4 ottobre “Donare fa cultura” al Parlamentino del Cnel.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI