In vacanza con Fido, ecco alcuni i consigli

L'estate è arrivata ed è tempo di vacanze anche per gli amici a quattro zampe. Per pianificare al meglio il viaggio, Logis, la catena di albergatori e ristoratori indipendenti in Europa, propone alcuni consigli pratici, con il parere della veterinaria, Silvia Bombana. La prima considerazione da fare è sull’idoneità dell’animale a seguirci: è bene fare affrontare un viaggio unicamente a soggetti già abituati a spostamenti e trasferte, senza sottoporre quindi il nostro amico ad uno stress a cui non è preparato.

“In ogni caso, se il viaggio è molto lungo e il soggiorno sarà di breve durata, oppure se il pet soffre di alcune patologie croniche, come cardiopatie, è meglio valutare di affidarlo ad una buona pensione, oppure ad una persona di fiducia: ne guadagnerà in serenità ed equilibrio”, afferma l’esperta.

Una volta deciso se è il caso che il nostro amico parta insieme a noi, ecco alcuni pratici consigli: 1. Per andare all’estero, verificare che il passaporto sia in regola, così come la vaccinazione antirabbica (obbligatoria in tutta Europa), somministrata almeno 21 giorni prima della partenza. Fido, inoltre, deve essere dotato di microchip, e per Micio, oltre al microchip, è obbligatorio anche l’uso del trasportino.

2. Per i viaggi in automobile è meglio tenere gli animali a stomaco vuoto. Prevedere inoltre soste ogni 2/3 ore, per dissetarli e farli sgranchire. 3. Per viaggiare in treno oppure in aereo, valutare attentamente le varie possibilità con le diverse compagnie, e farlo unicamente se l’animale è già abituato. 4. Per il viaggio, valutare l’utilizzo dei feromoni: si tratta di sostanze naturali che gli animali secernono da sé quando si trovano a proprio agio. Questo potrebbe trasmettere loro una sensazione di benessere

Anche la scelta della struttura ricettiva non può essere casuale. 5. Nella scelta della location, assicurarsi che intorno ci siano aree verdi, un’area cani e/o un servizio dog sitting. Un plus: la vicinanza di spiagge attrezzate, con docce dedicate per eliminare la salsedine dal mantello, e ciotole per bere.

6. Se la compagnia è felina, è bene evitare stanze con il balcone. Inoltre, si consiglia di controllare che lo spazio sia sufficientemente ampio per distanziare le ciotole del cibo dalla lettiera. 7. Infine, prestare sempre attenzione al caldo, il pericolo maggiore in estate. Qualche piccolo accorgimento: spostarsi nelle ore meno assolate, assicurarsi che l’acqua sia sempre a disposizione, e ricordarsi che cani e gatti camminano “a piedi nudi”: asfalto e sabbia scottano.