Home . Sostenibilita . World in Progress . BiroRobot, un umanoide ci aiuterà a tagliare la bolletta energetica

BiroRobot, un umanoide ci aiuterà a tagliare la bolletta energetica

selezionato tra oltre 700 presentate a Maker Faire Rome, Fiera internazionale dell’innovazione

WORLD IN PROGRESS
BiroRobot, un umanoide ci aiuterà a tagliare la bolletta energetica

A farci risparmiare sulla bolletta energetica in un futuro prossimo potrebbe essere un piccolo robot, grazie a un'invenzione tutta italiana. Si chiama BiroRobot il consulente 'risparmia-energia' che con i suoi occhi a infrarossi e un algoritmo interno, valuta tutte le cattive abitudini energetiche e indica le soluzioni per rendere le bollette più leggere del 20-30%.

L'invenzione è stata scelto fra le 10 più significative tra le 700 presentate a Maker Faire Rome, la fiera internazionale dell'innovazione (fino al 16 ottobre a Nuova Fiera di Roma).

BiroRobot è un dispositivo brevettato da Marco Santarelli, che porta a termine una diagnosi dei consumi energetici in tempo reale in differenti tipi di edifici, identificando ogni causa possibile di spreco e misure di mitigazione correlata.

Già sviluppato e testato nella sua prima versione base, sarà ottimizzato e realizzato in due diverse versioni: la prima destinata alla stima energetica dell’ambiente domestico e aree limitate chiuse (uffici, scuole, piccoli esercizi commerciali o infrastrutture pubbliche/private); l’altra destinata ad analisi energetiche di strutture industriali.

“BiroRobot - ha detto Marco Santarelli - rappresenta uno strumento educativo che permette alle persone, inclusi i bambini, di diventare più consapevoli dei propri comportamenti rispetto all’energia. Inoltre può essere uno strumento di stima energetica professionale per le aziende, consigliando misure potenziali per la riduzione di consumo energetico e costi relativi, migliorando anche la produttività dello stabilimento”.

BiroRobot, nella versione “domestica” è alto circa 35 centimetri e dotato di pannelli fotovoltaici sulle spalle e sensori a raggi infrarossi all’interno degli occhi, che rilevano tutti i consumi elettrici.

Il piccolo umanoide studia per 30 giorni le abitudini energetiche della famiglia o dell’azienda in cui si trova, registrando una grande mole di dati: dall'accensione e lo spegnimento delle luci, alla frequenza con cui questo avviene, fino alla più complicata analisi dell’assorbimento elettrico degli elettrodomestici e della dispersione di energia.

Grazie all’algoritmo interno, di invenzione di Marco Santarelli, Biro è in grado anche di analizzare i dati considerando i consumi precedenti.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI