Home . Sostenibilita . World in Progress . Dall'ortofrutta alla pescheria, Unicoop Firenze punta sui sacchi biodegradabili

Dall'ortofrutta alla pescheria, Unicoop Firenze punta sui sacchi biodegradabili

WORLD IN PROGRESS
Dall'ortofrutta alla pescheria, Unicoop Firenze punta sui sacchi biodegradabili

Dall'ortofrutta ai reparti di macelleria e pescheria. La rivoluzione green passa ancora una volta per Unicoop Firenze che per i suoi 103 punti vendita sceglie i sacchi biodegradabili in bioplastica Mater Bi di IV generazione, ultima conquista della ricerca Novamont. In particolare, nel reparto frutta e verdura, l'azienda, prima nella grande distribuzione organizzata ad adottare già dal 2014 prodotti biodegradabili e compostabili, sceglie sacchi e guanti realizzati con la nuova bioplastica di casa Novamont, anticipando ancora una volta l'attuazione della normativa che prevede l’obbligatorietà dei sacchi ultraleggeri per frutta/verdura biodegradabili e compostabili a partire dal primo gennaio del prossimo anno con una rinnovabilità del 40%.

Il sacco frutta/verdura in Mater-Bi di IV generazione è ultraleggero, resistente, con un grado di trasparenza nettamente superiore ai tradizionali sacchi in Hdpe, con un contenuto di materie prime rinnovabili superiore al 40% ed è realizzato con una tecnologia Coex dall’azienda Ipt di Scarperia.

Grazie anche alle scelte di Unicoop Firenze, Ipt oggi è una delle imprese leader in Italia nella produzione di film, shopper e sacchi biodegradabili e compostabili: da poco alla sigla “IPT” l’azienda ha scelto di aggiungere la denominazione “Italian Biopackaging Industry”, a marcare la scelta industriale di produrre solo ed esclusivamente film plastici biodegradabili e compostabili in Mater-Bi, negli ultimi cinque anni incrementando in maniera molto importante investimenti e occupati.

Unicoop Firenze ha, inoltre, deciso di ampliare l’utilizzo del Mater-Bi di IV generazione anche agli shopper asporto merci e per i sacchetti dei reparti macelleria e pescheria. Oggi il 70% dei clienti Unicoop Firenze ha imparato ad usare borse riutilizzabili e dal 2009, quando la Cooperativa ha deciso di anticipare la normativa europea sostituendo integralmente gli shopper tradizionali, ha ridotto i rifiuti plastici di 4.900 tonnellate e ha emesso nell'ambiente 3.000 tonnellate di anidride carbonica in meno rispetto a quanto sarebbe successo in assenza di queste scelte ecosostenibili.

Gli shopper in Mater-Bi di IV generazione, adottati ora anche come secondo imballo per i reparti macelleria e pescheria, si confermano strumenti per intercettare il rifiuto umido e aumentarne la raccolta, trasformandolo in humus utile per la rifertilizzazione dei suoli. Il Mater-Bi è in grado di garantire prestazioni del tutto simili alle plastiche tradizionali ma contiene risorse rinnovabili di origine agricola, diminuisce le emissioni di gas ad effetto serra e riduce il consumo di energia.

“Anche in questo caso Unicoop conferma il suo ruolo di leader e i suoi primati" commenta Alessandro Ferlito, responsabile commerciale di Novamont. "Primo retailer italiano ad aver introdotto gli shopper per asporto merci biodegradibili e compostabili nel 2009, ancora primo per i sacchi frutta/verdura e i guanti nel 2014 e, oggi, nuovamente primo con la scelta di adottare le soluzioni realizzate con il Mater-Bi di IV generazione, dietro il quale ci sono ingenti investimenti in R&D, ben 6 siti di ricerca e produttivi tra loro interconnessi, nuova occupazione e nuovo sviluppo” conclude Ferlito.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI