Home . Sostenibilita . World in Progress . La casa dell'acqua pubblica delle Maldive vola all'Expo di Astana

La casa dell'acqua pubblica delle Maldive vola all'Expo di Astana

Un progetto dell’Università di Milano-Bicocca

WORLD IN PROGRESS

Garantire acqua pulita agli abitanti dell’isola di Magoodhoo, alle Maldive. È il progetto dell’Università di Milano-Bicocca che sarà presentato domenica 3 settembre, durante il seminario internazionale 'Future energy in environmental development cooperation. The Italian contribution', presso il padiglione italiano nell’ambito di Expo 2017 in corso ad Astana (Kazakistan).

Energia sostenibile, promozione delle fonti rinnovabili e dell’efficienza energetica: questi i temi al centro dell’iniziativa promossa dalla Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile del ministero dell’Ambiente, in collaborazione con l’Agenzia Italiana per lo Sviluppo e la Cooperazione, ministero dello Sviluppo Economico, Ente Nazionale per l’Energia e l’Ambiente, che vedrà la partecipazione di Livia Pomodoro, presidente del Centro Base (Bicocca Ambiente Società Economia) dell’Università Bicocca, in qualità di rappresentate del Rettore dell’Ateneo, Cristina Messa.

Nell’intervento dal titolo 'An integrated approach to supply drinking water in Maldives', Paolo Galli (docente di Ecologia), Maurizio Acciarri (docente di Fisica sperimentale) e Marco Cavallotti (direttore generale vicario) illustreranno il progetto dell’Università Bicocca per l’installazione di un dissalatore dell’acqua in grado di garantire acqua potabile agli 850 abitanti di Magoodhoo (atollo di Faafu), dove si trova il centro di ricerca e formazione MaRhe per lo studio di nuove soluzioni per lo sviluppo sostenibile.

Il piano di lavoro per l’impianto è nato dalla sinergia tra l’Università di Milano-Bicocca, il governo italiano e il governo maldiviano ed è stato discusso e condiviso con gli abitanti dell’isola di Magoodhoo.

Nel corso del workshop, il professor Acciarri illustrerà anche metodi innovativi per la produzione di energia mostrando come dalla gestione dei rifiuti dell’industria del pesce sia possibile creare un circolo virtuoso che permetta di fornire l’energia necessaria alla produzione di acqua potabile.

Non solo. Il centro Base (Bicocca Ambiente Società Economia, dell’Università Bicocca) si occuperà dell’installazione di distributori di acqua nelle scuole, in modo da limitare il consumo di plastica. Il dipartimento di Scienze umane per la formazione 'Riccardo Massa', invece, proporrà un corso di educazione all’uso dell’acqua per gli abitanti di Magoodhoo.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI