Home . Sostenibilita . World in Progress . Arriva G+, latte senza lattosio

Arriva G+, latte senza lattosio

WORLD IN PROGRESS
Arriva G+, latte senza lattosio

(Fotolia)

Dalla collaborazione tra Enea e Gruppo Granarolo è nato G+, latte facilmente digeribile senza lattosio e con il 30% di zuccheri in meno rispetto a quello intero. Questo prodotto innovativo, appena arrivato sugli scaffali della grande distribuzione, è stato realizzato grazie a un processo di produzione brevettato da Enea e Granarolo, basato su un sistema di filtrazione, che scompone il lattosio in glucosio e galattosio e separa le diverse componenti per ottenere un latte a basso contenuto di zuccheri.

"Per dare al latte queste caratteristiche di alta digeribilità e basso contenuto di zuccheri, abbiamo utilizzato tecnologie di filtrazione tangenziale a membrana, sistemi innovativi che agiscono per via meccanica, senza impiego di solventi o reagenti e permettono di conservare i principi attivi del latte", spiega Roberto Balducchi, responsabile del laboratorio Enea di 'Bioprodotti e bioprocessi'."Non a caso queste tecnologie vengono chiamate anche ‘mild tecnologies’ - prosegue Balducchi - perché, quando vengono utilizzate per la conservazione e la trasformazione degli alimenti, non intaccano il loro valore nutrizionale".

"La collaborazione con il Gruppo Granarolo rientra nelle attività di ricerca e sviluppo che portiamo avanti da molti anni a livello nazionale con il settore dell’agroindustria. Le nostre hall tecnologiche consentono di studiare, sviluppare e testare soluzioni hi-tech da trasferire alle imprese per l’innovazione dei processi e dei prodotti", sottolinea Massimo Iannetta, responsabile della divisione Enea di 'Biotecnologie e agroindustria'.

Il processo tecnologico brevettato da Enea e Gruppo Granarolo ha permesso di realizzare una linea di processo industriale nello stabilimento di Gioia del Colle in provincia di Bari, su cui sono stati investiti oltre 5 milioni di euro.

"Granarolo G+ è una vera rivoluzione nel mercato del latte - afferma Angelo Vittorio Zambrini, Gruppo Granarolo, direttore Qualità, Innovazione, Sicurezza, Ambiente - un’innovazione unica in grado di creare una nuova categoria di prodotto in un settore maturo e di rispondere a un bisogno crescente dei consumatori, che guardano con sempre maggiore interesse ad alimenti funzionali e legati al benessere".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.