Home . Sostenibilita . World in Progress . In Umbria gli 'alberi parlanti'

In Umbria gli 'alberi parlanti'

WORLD IN PROGRESS
In Umbria gli 'alberi parlanti'

(foto Adnkronos)

Alberi parlanti che raccontano il proprio stato di salute grazie alla tecnologia. Succede nel Bosco di Piegaro, a Città della Pieve, 146 ettari di foresta umbra certificata Pefc, di proprietà della famiglia Margaritelli, dove gli "alberi parlanti" sono 36.

Come fanno a parlare? Attraverso un sistema di ultima generazione che si chiama, non a caso, Tree Talker, basato sull’IoT (Internet of Things) e in grado di fornire in tempo reale una rete di monitoraggio delle funzioni dell'albero dotato di sensori che misurano parametri eco-fisiologici quali i flussi d’acqua, la crescita in diametro, la quantità e la qualità del fogliame, la stabilità, la respirazione, la quantità di carbonio stoccata, la salute e la mortalità della pianta per fattori umani e climatici.

Per la prima volta in Italia, prende il via il progetto Trace (TRee monitoring to support climate Adaptation and mitigation through Pefc CErtification), finanziato dal Pefc Internazionale e nato dalla collaborazione tra Pefc Italia, ente normatore della certificazione di gestione del patrimonio forestale, e la Fondazione Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici (Cmcc).

"Nelle attuali condizioni di fragilità in cui vertono gli ecosistemi terrestri a causa dei cambiamenti climatici, la gestione e la certificazione delle foreste svolgono un ruolo sempre più importante", spiega Riccardo Valentini del Centro Euro-Mediterraneo sui Cambiamenti Climatici, insignito nel 2007 del Premio Nobel per la Pace, insieme ad altri scienziati del Comitato Intergovernativo sui Cambiamenti Climatici (IPCC), per le ricerche relative ai cambiamenti climatici.

"Misurare con strumenti innovativi la capacità degli ecosistemi di stoccare carbonio o di essere resilienti ai cambiamenti ambientali - aggiunge - è fondamentale per prendere decisioni in merito al miglioramento della qualità e della redditività della gestione forestale”.

La sperimentazione di Trace viene messa in atto su piccola scala all’interno di questa foresta umbra in cui gli "alberi parlanti” appartengono a diversi ecosistemi, in tre parti distinte della proprietà: una nella parte forestale a conifere e una in quelle a latifoglie, mentre il terzo gruppo di alberi con i sensori si trova nell’impianto di arboricoltura da legno. Il progetto intende anche migliorare gli attuali sistemi di certificazione e monitoraggio delle foreste e delle piantagioni di alberi proprio attraverso l'innovazione.

“I sistemi IoT rappresentano un’occasione unica per migliorare le capacità di monitoraggio ambientale a costi estremamente bassi e in tempo reale - spiega Antonio Brunori, segretario generale del Pefc Italia - Integrando e installando tecnologie IoT di ultima generazione in una rete di monitoraggio su piccola scala nel Bosco di Piegaro, intendiamo dimostrare e promuovere l’utilità di questa tecnologia anche per la certificazione forestale, così da diffonderla rapidamente su larga scala e con costi contenuti”.

Grazie al sistema Tree Talker infatti le entità già certificate per la gestione forestale sostenibile o quelle che richiedono di entrare nel sistema di certificazione (proprietari e gestori forestali, proprietari di piantagioni di arboricoltura da legno) possono conoscere i propri alberi, essere consapevoli della loro salute o di eventuali parassiti o malattie e essere in grado di quantificare la quantità di carbonio stoccata da ogni pianta.

Inoltre, l’analisi dei dati tramite algoritmi di apprendimento automatico, strumenti GIS e cloud computing, consente di correlare una grande quantità di dati e ricavare informazioni personalizzate.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.