SPECIALI
Mondo Rai

SPETTACOLO

Il 'D-Day' lo racconta Tommaso Cerno, Rai3 vara nuovo programma in prime time

Quattro puntate in onda da venerdì dal 20 marzo per raccontare la Seconda Guerra Mondiale. Prodotto da Viale Mazzini e già approvato dal dg Gubitosi, il programma vedrà in studio, oltre al direttore del 'Messaggero Veneto' al suo debutto come conduttore, Paolo Mieli e altri ospiti. Costi in linea con il budget della rete, regia di Igor Scotti e studio di 'Che tempo che fa'

SPETTACOLO

Cinzia TH Torrini: "Sto scrivendo fiction su artigiani fiorentini"

"C'è stato un primo assenso della Rai al progetto, adesso siamo in fase di scrittura", dice la regista di 'Elisa di Rivombrosa', 'Terra ribelle', 'La Certosa di Parma', 'Un'altra vita' che al progetto tiene molto e lo descrive così: una fiction "ambientata ai giorni nostri che ha come protagonisti gli artigiani fiorentini"

SPETTACOLO

Beppe Fiorello porta su Rai1 la storia di Franco Di Mare e del suo 'Angelo di Sarajevo'/FOTO

L'attore torna protagonista sulla rete ammiraglia del servizio pubblico martedì e mercoledì prossimi per raccontare la vicenda umana e professionale del giornalista Rai, inviato a Sarajevo nel 1992, durante la guerra serbo-bosniaca, e il suo incontro in un orfanotrofio con una bimba di pochi mesi che diventerà sua figlia. La fiction, diretta da Enzo Monteleone, è infatti tratta romanzo autobiografico di Franco Di Mare 'Non chiedere perché' (GUARDA LA FOTOGALLERY DEL SET)

SPETTACOLO

I giovani di Sanremo all'esame di Carlo Conti su Radio2

Nel programma 'Aspettando Sanremo', in onda il sabato e la domenica alle 10,35, da domani all'8 febbraio, Enrico Nigiotti, Serena Brancale, Giovanni Caccamo, Chanty, Kutso, Amara, Kaligola e Rachele fanno ascoltare il brano che portano in gara e si sottoporranno al giudizio di Conti

SPETTACOLO

Con 'Ragion di Stato' la spy story sbarca su Raiuno in prima serata

La fiction in onda lunedì 12 e martedì 13 gennaio. Tra i protagonisti, Luca Argentero che interpreta il Capitano Rosso. Lo sceneggiatore Andrea Purgatori: "Una parte di quello che raccontiamo è accaduto, anche se ovviamente non è possibile scriverne con nomi e cognomi. Descriviamo un pezzo della storia del nostro Paese"