Home . Sport . Spolli: "Impossibile dire no alla Roma, essere qui è un orgoglio"

Spolli: "Impossibile dire no alla Roma, essere qui è un orgoglio"

"Siamo una grande squadra e non ho dubbi che lotteremo per il campionato e per l'Europa League"

SPORT
Spolli: Impossibile dire no alla Roma, essere qui è un orgoglio

Nicolas Spolli con la maglia del Catania (Foto Infophoto)

"Mi ha chiamato Sabatini l'ultimo giorno di mercato. Ho accettato subito, perché per me venire qui è sicuramente un orgoglio. E' stato tutto molto veloce e sono felice di essere qui". Sono le prime parole di Nicolas Spolli, il nuovo difensore della Roma arrivato nell'ultimo giorno di mercato dal Catania. Il giocatore ha militato solo in due squadre in carriera, nel Newell's Old Boys in Argentina e con il Catania in Italia, prima di approdare in giallorosso. "Quando ero in Argentina tifavo la mia squadra. Poi sono andato a Catania e mi sono trovato bene, sono stato sei anni e ho rifiutato dei trasferimenti perché pensavo che non era il momento, ma è impossibile dire di no alla Roma. Mi auguro di vincere qui, darò il massimo e farò di tutto per rimanere qui".

L'ex difensore del Catania minimizza poi sul momento difficile della squadra di Rudi Garcia. "Il momento della Roma? Se si perde una partita sembra che succede l'inferno, ma siamo una grande squadra e non ho dubbi che lotteremo per il campionato e per l'Europa League. Cercherò di dare il massimo, c'è grande concorrenza perché siamo una grande squadra. Uno deve sempre aiutare i compagni in campo o in panchina", ha proseguito nella conferenza stampa di presentazione, descrivendo poi le sue caratteristiche. "Ho parlato con Garcia appena arrivato. Sono destro ma ho quasi sempre giocato a sinistra. Sono contento e cercherò di dare il massimo come sempre fatto nella mia carriera. Sto bene fisicamente al 100%, mi sono sempre allenato e sono pronto per fare bene".

Il passaggio dal Catania alla Roma è stato molto importante per l'argentino. "E' un salto di qualità senza ombra di dubbio, penso che essere qui è un sogno che è diventato realtà. Sono due realtà diverse, sono molto contento e orgoglioso di indossare questa maglia. Questo è il bello del calcio, non si sa mai dove puoi finire. Una settimana fa giocavo in Serie B, dopo tanti anni in Serie A, e oggi mi trovo in questa grande squadra", ha aggiunto Spolli che ha già parlato con i suoi nuovi compagni di reparto. "Si, ci ho parlato, penso che siamo consapevoli che dobbiamo migliorare, ma non ho dubbi che la squadra sicuramente lotterà fino alla fine per raggiungere gli obiettivi che ancora restano".

Infine sulla lite che lo ha visto coinvolto con Balotelli, ha spiegato: "Non è successo niente, alla fine si è risolto in nulla. Non sono razzista, sono scontri che capitano in campo".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.