Home . Sport . Un Milan dai due volti basta per battere l'Udinese 3-2

Un Milan dai due volti basta per battere l'Udinese 3-2

SPORT
Un Milan dai due volti basta per battere l'Udinese 3-2

L'attaccante del Milan, Mario Balotelli. (Foto INfophoto)

Un Milan dai due volti è stato sufficiente per battere l'Udinese al Friuli per 3-2. Alla squadra di Sinisa Mihajlovioc è bastato un primo tempo quasi perfetto, chiuso con un vantaggio di 3-0 per portare a casa tre punti importanti per morale e classifica. Con questo successo i rossoneri salgono a 9 punti in classifica in attesa delle gare di questa sera per vedere che tipo di passo avanti è stato fatto. Alla formazione di Colantuono non è bastato un secondo tempo a trazione anteriore, gagliardo e con due gol, per recuperare una gara in cui forse avrebbero meritato il pareggio.

Protagonista del successo milanista un ritrovato Mario Balotelli che parte dal 1' in coppia con Bacca in avanti e segna la rete del vantaggio già al 6' con un magistrale calcio di punizione dal limite, un destro tagliatissimo sopra la barriera che Karnezis può soltanto ammirare. Al 10' arriva il raddoppio di Bonaventura, dove la difesa bianconera è indubbiamente responsabile. Bel lancio di Montolivo dalla trequarti per l’inserimento dell’ex atalantino, stop di petto e conclusione vincente. Gli ospiti calano il tris in chiusura di tempo. Angolo da destra di Bonaventura, Cristian Zapata indovina l’incornata dell’ex e permette ai suoi di andare negli spogliatoi con tre reti di vantaggio.

Nella ripresa Colantuono cambia, via il 3-5-2, per passare ad un assetto iper offensivo, un 4-3-3 con Duvan Zapata che rileva Piris e va ad affiancarsi a Di Natale e Thereau. I padroni di casa accorciano subito le distanze con Di Natale che devia a malapena il cross di Zapata e Badu solo a centro area con il destro batte Diego Lopez. Al 13' Udinese ancora in rete. Assist di Thereau, Di Natale in spaccata non arriva sulla sfera, ma Duvan Zapata sì e insacca a porta vuota. Il Milan, accusa il colpo, sembra essere impaurito e sulle gambe e Mihajlovic lo ridisegna inserendo Poli per Honda e passando ad un 4-4-2 più ordinato, difensivo e conservativo, dopo che a inizio ripresa Alex aveva rilevato un buon Calabria.

I bianconeri non arretrano e provano a trovare il colpo del 3-3 a cui vanno vicini prima con una conclusione potente di Bruno Fernandes e poi con un colpo di testa di Wague. Nel finale prevale il nervosismo con l'arbitro Doveri che lascia l'udinese in 10 uomini con l'espulsione di Bruno Fernandes. Il Milan guadagna tempo prezioso e porta a casa una vittoria fondamentale per classifica e morale.

"Abbiamo cominciato molto bene, poi è scritto, è storico che in queste partite gli altri rimontano. Dobbiamo fare più attenzione, però alla fine abbiamo lottato fino in fondo, siamo stati un gruppo unito e abbiamo meritato di vincere", ha detto Balotelli a fine gara. "Io sono sempre lo stesso, nello spogliatoio e nella mia vita sono una persona completamente differente da quella che avete descritto per tanti anni. Piano piano mi tiro via le mie soddisfazioni", ha aggiunto l'attaccante rossonero. Con questi tre punti il Milan sale un po’ più in alto in classifica. "Sì, noi dobbiamo pensare di partita in partita e cercare di vincerne il più possibile, soprattutto per darci quella forza per affrontare partite magari più complicate, però, di partita in partita dobbiamo cercare di fare i tre punti come oggi. In un modo o nell’altro, l’importante è vincere".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.