Home . Sport . Sassuolo-Pescara 0-3 a tavolino, la decisione del giudice sportivo

Sassuolo-Pescara 0-3 a tavolino, la decisione del giudice sportivo

SPORT
Sassuolo-Pescara 0-3 a tavolino, la decisione del giudice sportivo

(Foto Xinhua)

Il giudice sportivo di Serie A ha deciso di ribaltare il risultato del match di domenica scorsa tra Sassuolo e Pescara, vinto sul campo dagli emiliani per 2-1, e di assegnare il successo agli abruzzesi per 0-3 a tavolino. La decisione è legata all'impiego di Antonino Ragusa, sceso in campo negli ultimi 20' della partita. Il centrocampista siciliano, acquistato dal Cesena il 26 agosto, non era stato inserito nella lista dei 25 giocatori consegnata dal Sassuolo alla Lega calcio.

"Considerato che l’inserimento - si legge nel comunicato del giudice sportivo - di tale nominativo nell'elenco di 25 calciatori non era stato trasmesso alla Lega a mezzo PEC entro le ore 12 del giorno precedente la gara, come tassativamente previsto dalla vigente normativa federale (CU 83/A del 20 novembre 2014), e che tale omissione comporta la sanzione della perdita della gara (ibidem n.9) ai sensi dell’art. 17, comma 5, lett. a) CGS, delibera di sanzionare la Soc. Sassuolo con la punizione sportiva della perdita della gara per 0-3".

"Il Sassuolo comunica di avere avviato le opportune verifiche finalizzate all'accertamento di quanto accaduto in relazione alla funzionalità del sistema informatizzato, ultimate le quali proporrà reclamo avverso la decisione del Giudice Sportivo per il ripristino del risultato conseguito sul campo", fa sapere il club neroverde.

"Il Sassuolo ha posto in essere, ritualmente e tempestivamente, ogni adempimento prescritto dai vigenti regolamenti per il tesseramento del calciatore Antonio Ragusa, ritenendo, pertanto, regolare l’impiego del predetto atleta nella partita in questione", aggiunge la nota della società emiliana.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.