Home . Sport . Spalletti: "Totti in gruppo. Con il Pescara gara insidiosa"

Spalletti: "Totti in gruppo. Con il Pescara gara insidiosa"

SPORT
Spalletti: Totti in gruppo. Con il Pescara gara insidiosa

Il tecnico della Roma Luciano Spalletti

"Totti in gruppo, Mario Rui fa la partita con la Primavera, e se va tutto liscio, torna con noi dalla prossima settimana. Manolas e El Shaarawy hanno avuto risentimento però vengono gestiti in questi risentimenti e da metà settimana ripartono con la squadra. Faranno allenamenti personali per la prima metà settimana. Non convocati Manolas e El Shaarawy? Non convocati". Il tecnico della Roma, Luciano Spalletti, stila così il bollettino infortunati alla vigilia della sfida con il Pescara di campionato.

Poi passa ad analizzare la sfida di domenica. "E' sicuramente una partita insidiosa perché a volete le cose facili poi diventano pericolose. Le cose facili se vuoi che siano così falle difficili. Veniamo da una partita che ci ha tolto tanto, era una gara fondamentale per andare nella casella successiva. I calciatori l'hanmo disputata bene, si è visto che si erano preparati mentalmente. Abbiamo usato giocatori importanti, giocando più spesso degli altri. Abbiamo buttato via energie, per noi è una partita insidiosa, dobbiamo fare molta attenzione", aggiunge Spalletti in conferenza stampa.

Spalletti torna poi sulle responsabilità per i crolli mentali. "Il responsabile è l'allenatore. Per me è così, dal mio punto di vista è solo l'allenatore. Certo tutti poi si deve essere convinti di poter incidere perché questo fa la differenza. Una partita di calcio dipende da quello che poi mettono i giocatori, fanno loro la differenza. Quello che è successo qui non ci avevo fatto caso, ma effettivamente metterebbe un po' di timore a vederla da fuori. Se la Roma mi richiamasse tornerei lo stesso", aggiunge il tecnico della Roma.

Spalletti proprio in vista della gara con il Pescara punta poi l'attenzione sulle palle inattive. "Dobbiamo migliorare, è una cosa che dobbiamo tentare di migliorare assolutamente perché gli altri fanno meglio di noi. Nell’analisi e la considerazione di questi momenti di gara, a noi succede di batterle male. Qualche vantaggio lo abbiamo preso ma vista la qualità che abbiamo anche come fisicità con Rudiger, Strootman, Manolas, De Rossi, Dzeko, che è un giocatore forte anche di testa, abbiamo possibilità di portare a cassa qualche vantaggio. C’è chi ci fa più attenzione, chi ci basa i più il risultato. Noi ci fidiamo di più della nostra prima caratteristica, di tenere palla intera, andare dietro la linea difensiva e fare gol", sottolinea Spalletti.

"In questo caso qui bisogna stare attenti perché ad esempio il Pescara è forte sulle palle inattive, bisogna fare attenzione perché è un’insidia il calcio di punizione contro. Il Pescara ha anche molti ex della Roma e questo li stimolerà tanto: Caprari ci ha fatto gol nell’ultima partita. Sono tutte insidie importanti che dobbiamo portare in superficie per avere più attenzioni. Per molti è scontata ma non è così, non deve essere così e non sarà così. Bisognerà sudarsela", mette in guardia il tecnico giallorosso.

Poi i complimenti a De Rossi che con il Pescara potrebbe festeggiare le 400 presenze con la Roma? Gli si fanno i complimenti, sono state tutte partite disputate con qualità importante, personalità importante e risultati importanti alle spalle. Ha fatto tanti risultati, non hanno vinto grandissime cose ma tanti risultati importanti. Daniele ha la Roma dentro, è un giocatore che ha sempre fatto vedere di tenere alle sorti di questa società, città e squadra. Gli si dice bravo e di continuare così".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI