Home . Sport . Marotta: "Napoli è la lepre e Juve ora fa il cacciatore"

Marotta: "Napoli è la lepre e Juve ora fa il cacciatore"

SPORT
Marotta: Napoli è la lepre e Juve ora fa il cacciatore

(Fotogramma)

"Juve nervosa per il primo posto del Napoli? Assolutamente no, siamo in una fase interlocutoria del campionato in cui il calendario sicuramente condiziona la classifica. E poi ogni tanto invece di fare la lepre dobbiamo fare il cacciatore, abbiamo una lepre davanti e noi dietro pronti a 'sparare'". Lo dice l'amministratore delegato della Juventus, Beppe Marotta, parlando della lotta per lo scudetto in Serie A a margine del premio Ghirelli a Torino.

"Ci sono tantissimi punti a disposizione e tantissime partite -sottolinea il dirigente bianconero ai microfoni di Sky-. Semmai è importante fare un'analisi sul periodo affrontato e le statistiche ci dicono che ci sono state prestazioni importanti. Questo è fondamentale per il futuro".

Ieri il presidente Andrea Agnelli e tutto il management bianconero hanno incassato la fiducia del presidente Exor, John Elkann: "E' innanzi tutto una prova di stima da parte dell'azionariato di maggioranza, poi è la conferma di un grande senso di appartenenza che ha voluto ancora una volta enunciare. Questo è importante perché per noi significa lavorare con tranquillità e guardare a un futuro che non può che essere roseo", evidenzia Marotta.

VAR - "La posizione della Juventus e anche la mia personale è che ci sia assolutamente necessità di un supporto tecnologico all'attività dell'arbitro. Ben venga quindi la Var, che da parte nostra non è temuta ed è ben accettata, ma serve ancora un confronto con gli arbitri", dice soffermandosi sull'utilizzo delle immagini per aiutare i direttori di gara.

"All'interno della Var, che è in un momento di sperimentazione, c'è un protocollo che disciplina la sua attività. E questa è una situazione che mi vede nell'esigenza di chiedere ancora dei confronti con l'organismo arbitrale, perché secondo me i protocolli sono molto rigidi e andrebbero affrontati anche con la controparte per arrivare a un vero protocollo definitivo", aggiunge Marotta, che poi torna sugli episodi contestati del match dei bianconeri contro l'Atalanta.

"Sicuramente il gol di Mandzukic con l'Atalanta andava annullato e quindi ha fatto bene la Var, ma non ho ancora ben capito come mai non si sia presa una posizione sul rigore presunto al 94' su Higuain". In generale secondo il dirigente bianconero "Var e goal line technology sono strumenti importanti perché riducono al minimo l'errore umano dell'arbitro, che però deve rimanere la figura centrale. Certamente si perde molto dal punto di vista del romanticismo, perché io ad esempio domenica ho vissuto l'emozione del gol e poi ci si ritrova a reprimere".

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI