Home . Sport . Tre big match, la serie A suona 'l'ottava sinfonia'

Tre big match, la serie A suona 'l'ottava sinfonia'

SPORT
Tre big match, la serie A suona 'l'ottava sinfonia'

(Afp)

Il campionato riparte con le big. Dopo la sosta per gli impegni della Nazionale, la Serie A si rimette in moto con un tris da brivido. L'ottava giornata propone i confronti incrociati tra le prime forze della classifica, destinata ad assumere connotati più definiti dopo la sequenza di sfide. Ad aprire lo show saranno Juventus e Lazio, che scenderanno in campo domani all'Allianz Stadium alle 18. I campioni d'Italia vanno a caccia di un successo dopo il pareggio per 2-2 sul campo dell'Atalanta. I bianconeri proporranno il consueto copione con 4 giocatori offensivi. Scontato l'impiego di Higuain, praticamente certa la panchina iniziale per di Dybala. Mandzukic è a disposizione e Bernardeschi potrebbe partire titolare. In mezzo al campo, il tecnico Allegri dovrebbe recuperare Khedira. Dall'altra parte, prende forma lo schieramento biancoceleste a disposizione di Inzaghi. De Vrij, al centro della difesa, dovrebbe avere accanto il recuperato Bastos. A pungere sarà Immobile, in un reparto offensivo sostenuto dal talento di Milinkovic-Savic e Luis Alberto.

Punti pesantissimi in palio anche alle 20.45, quando all'Olimpico di Roma andrà in scena il duello tra la Roma e il Napoli capolista con 21 punti. I giallorossi, a quota 15 e con una partita da recuperare, hanno la chance per ridurre il gap dalla vetta. Il tecnico Di Francesco può contare a centrocampo su De Rossi e il recuperato Pellegrini. Strootman dovrebbe restare fuori, per recuperare al meglio in vista degli impegni di Champions. Davanti, senza l'acciaccato El Shaarawy, sarà Perotti a fare da spalla al bomber Dzeko. Anche Sarri si trova a gestire un gruppo reduce da impegni in giro per il mondo. In attesa di conoscere le scelte relative al centrocampo, nessun dubbio sul tridente offensivo: come al solito, palla a Insigne-Mertens-Callejon.

Il tris di big match si completa domenica sera con il derby milanese. Alle 20.45 San Siro si accende con Inter-Milan. Parola d'ordine: vietato sbagliare. I nerazzurri di Spalletti, con 19 punti, hanno bisogno di un risultato positivo per rimanere agganciati al treno di testa. Il tecnico toscano deve fare i conti con lo stop di Brozovic, che sarà rimpiazzato da Joao Mario. In mezzo al campo, giocherà uno tra Gagliardini e Vecino. In casa rossonera, si profila una chance in attacco per André Silva. A garantire qualità dovrebbero essere Suso e Bonaventura. Per Montella, la vittoria è un obbligo o quasi: 3 sconfitte in 7 giornate sono tante, 12 punti in cascina decisamente pochi.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI