Home . Sport . Lotti, Tavecchio e Lega B inaugurano nuovo campo di Lampedusa

Lotti, Tavecchio e Lega B inaugurano nuovo campo di Lampedusa

SPORT
Lotti, Tavecchio e Lega B inaugurano nuovo campo di Lampedusa

Dopo quattro mesi dalla posa della prima pietra e dal contestuale inizio dei lavori, il Ministro per lo Sport Luca Lotti, il Sindaco di Lampedusa e Linosa Salvatore Martello, il Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Carlo Tavecchio, hanno inaugurato il nuovo campo di calcio di Lampedusa. Il Commissario Straordinario della Lega Nazionale Professionisti B Mauro Balata non ha potuto presenziare all’inaugurazione, a causa di impegni legati all’attività di Commissario straordinario, ma già ieri ha sentito telefonicamente il sindaco di Lampedusa ed ha inviato un suo messaggio.

'The Bridge - Un Ponte per Lampedusa' è il progetto promosso e coordinato da B Solidale Onlus, l’Organizzazione Non-Profit della Lega B, che prevede la realizzazione di uno stadio di calcio pubblico sull’Isola e, contestualmente, il sostegno alle Associazioni locali per lo sviluppo di attività sportive, sociali, formative, scolastiche e d’integrazione per i prossimi cinque anni. Il Progetto, di cui al momento è stato realizzato il primo stralcio esecutivo funzionale che comprende il campo di calcio, il ripristino degli spogliatoi esistenti e le recinzioni perimetrali, è stato reso possibile grazie al prezioso contributo di una squadra di finanziatori che hanno da subito condiviso il valore dell’iniziativa, tra i quali Enel Cuore Onlus, Poste Italiane, l’Istituto per il Credito Sportivo e l’Associazione Italiana Calciatori, attraverso AIC Onlus. Anche la Lega calcio di Serie A ha partecipato fattivamente alla realizzazione del nuovo campo di calcio a Lampedusa. L'assemblea, infatti, aveva stanziato 100mila euro per la costruzione dello stadio che Tavecchio, presidente Figc e commissario della Lega A, considera "un'opera di buona volontà".

L’idea nasce per dare un concreto segnale di attenzione a una straordinaria comunità di italiani, sempre pronta a salvare, assistere e accogliere. Un segnale tangibile e ricco di significati - capace di andare oltre la solidarietà sempre manifestata nei confronti di Lampedusa - individuato nella costruzione di uno stadio pubblico che, prendendo spunto ed esempio dagli abitanti dell’isola, non li lasci soli nel compimento di quella dura missione che la geografia e la storia hanno loro assegnato. L’auspicio è che lo stadio possa diventare il principale centro di aggregazione dell’isola permettendo ai giovani delle squadre di calcio locali, agli studenti di tutti i livelli scolastici e anche ai ragazzi immigrati ospiti del centro di accoglienza di beneficiare di una serie di opportunità sportive, di percorsi formativi e di integrazione.

"Esprimo tutto il mio dispiacere per non poter presenziare all’inaugurazione, a causa di impegni legati all’attività di Commissario straordinario che sto svolgendo e anche a causa di difficoltà incontrate nel trasporto aereo per recarmi in mattinata nell’isola di Lampedusa. Saluto in primis il sindaco di questa meravigliosa isola, Salvatore Martello, il quale ho chiamato personalmente scusandomi per l’assenza. Saluto inoltre il ministro per lo Sport Luca Lotti e il presidente Federale Carlo Tavecchio". Sono le parole del commissario della Lega Serie B, Mauro Balata, in un messaggio per l'inaugurazione del nuovo campo di calcio di Lampedusa avvenuto oggi alla presenza del Ministro dello Sport Luca Lotti.

"In queste settimane di attività in cui sto svolgendo il ruolo di Commissario straordinario, ho potuto apprezzare i valori che animano e ispirano i comportamenti e le attività della Lega B, un’impronta indelebile che va riconosciuta a chi ha guidato per quasi sette anni l’associazione e da cui discendono progetti come quello che presentiamo oggi; mi riferisco naturalmente ad Andrea Abodi che saluto e ringrazio", ha sottolineato Balata nel messaggio all'Adnkronos.

"Ed ecco quindi che ‘The Bridge - Un ponte per Lampedusa’ assume un significato che va oltre alla semplice opera sportiva e diviene un simbolo culturale di accoglienza, sensibilità e anche un modo per concretizzare quel concetto di continuità territoriale che senza l’impegno di tutti rimane un principio privo di contenuto. Per valorizzare questo impegno, auspico l’organizzazione di un torneo Uefa, la massima espressione calcistica europea, che suggelli l’unione e la solidarietà tra popoli proprio nel luogo dove si manifestano questi valori", ha aggiunto Balata sul progetto promosso e coordinato da B Solidale Onlus, l’Organizzazione Non-Profit della Lega B.

Commenti
Per scrivere un commento è necessario registrarsi ed accedere: ACCEDI oppure REGISTRATI