Home . Sport . Perché il Milan è fuori dalle coppe europee

Perché il Milan è fuori dalle coppe europee

SPORT
Perché il Milan è fuori dalle coppe europee

(Fotogramma)

Il Milan è fuori dalle coppe europee per un anno. Il club rossonero, infatti, non potrà partecipare alla prossima Europa League a cui si è classificato. A stabilirlo la camera giudicante dell'Organo di Controllo Finanziario per Club (CFCB), secondo cui la quadra avrebbe violato le norme del fair play finanziario. In cosa consiste? Approvato nel 2010, "il fair play finanziario - si legge sul sito della Uefa - riguarda il miglioramento della salute finanziaria complessiva del club calcistico europeo". In pratica, i club che si sono qualificati alle competizioni Uefa devono dimostrare di non avere debiti aperti nei confronti di altri club, giocatori e istituti fiscali durante tutta la stagione. In altre parole, devono dimostrare di avere tutti i conti in regola.

Il Milan, in particolare, è accusato di aver violato la regola del pareggio di bilancio (break-even rule) istituita nel 2013, in base alla quale ogni club deve bilanciare le proprie spese con le entrate limitando così il rischio di accumulare debiti. "I club - spiega la Uefa - possono spendere fino a 5 milioni di euro in più di quanto guadagnano per periodo di valutazione (tre anni)". "L'inosservanza delle norme non significa che un club verrà escluso automaticamente", aggiunge la Uefa, specificando che le misure disciplinari possono variare in base alla 'gravità' delle infrazioni commesse.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.