cerca CERCA
Domenica 26 Giugno 2022
Aggiornato: 14:47
Temi caldi

Lo studio

10 segnali per riconoscere le bugie del partner

14 aprile 2016 | 10.52
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Foto di repertorio) Fotogramma

Nervosismo, balbettio, sudorazione: non sempre sono questi i segnali per capire se il nostro partner ci sta mentendo. I bugiardi seriali spesso sono consapevoli delle proprie reazioni e riescono a mascherarle molto bene. Uno studio dell'Universtà della California, però, ridà speranza ai partner dubbiosi, affermando che i nostri istinti per giudicare i bugiardi sono in realtà abbastanza forti. Bisognerebbe fidarsi di più delle proprie sensazioni. La ricerca dello psicologo Lillian Glass, quindi, individua 10 segnali a cui prestare attenzione se si fiuta qualcosa di strano nell'atteggiamento del partner.

Il partner cambia continuamente la posizione della testa

Se vedete che l'altro muove improvvisamente la testa quando gli viene posta una domanda diretta, potrebbe stare mentendo. "La testa sarà ritratta o spostata di scatto, a guardare verso il basso, poi diritta poi inclinata di lato", spiega Glass.

Sta dritto immobile per troppo tempo

E' risaputo che le persone si agitino quando diventano nervose, ma si dovrebbe guardare con sospetto anche le persone che non si muovono affatto. Di solito, infatti, nel parlare tranquillamente le persone si muovono con disinvoltura, oscillano o mostrano movimenti inconsci. "Questo può essere un segno del primitivo istinto neurologico 'lotta o scappa', piuttosto che scappare, questa posizione del corpo è tipica di chi si prepara per un possibile confronto", spiega Glass.

Fornisce troppe informazioni

I bugiardi spesso sono sulla difensiva, quindi tendono a parlare molto e a fornire informazioni non richieste. Sperano che la loro apertura comunicativa possa essere interpretata come segnale di credibilità. Attenzione a non farsi ingannare dall'eccesso di dettagli.

Si copre la bocca

Quando si è riluttanti a rispondere a una domanda, ci si copre istintivamente la bocca con le mani. E' un chiaro segnale che si ha intenzione di chiudere la comunicazione, di non rispondere.

Si copre parti del corpo vulnerabili

Allo stesso modo, un gesto istintivo è anche quello di coprirsi parti del corpo vulnerabili perché ci si sente attaccati. Glass che ha lavorato anche come consulente per i tribunali, racconta che gli imputati dopo aver ascoltato una ricostruzione dei fatti sfavorevole sono soliti toccarsi istintivamente la gola, la testa, il torace o l'addome.

Ha difficoltà a parlare

Il sistema nervoso sotto stress riduce automaticamente il flusso salivare, seccando così la bocca. Se chi mente inizia a sentirsi assediato dalle domande del partner, può avere difficoltà a parlare.

Sguardo fisso

Quando le persone mentono, generalmente interrompono il contatto visivo. Ma il bugiardo seriale potrebbe andare oltre, mantenendo il contatto visivo molto più a lungo del solito nel tentativo di controllare e manipolare l'altro. "Quando le persone dicono la verità, spostano più volte gli occhi, distogliendo lo sguardo di tanto in tanto. I bugiardi, invece, terranno uno sguardo fermo e freddo".

Vi punta il dito contro

Se la loro versione dei fatti inizia ad essere smontata, i bugiardi possono diventare ostili e aggressivi. innervositi dalla situazione, in genere tentano di ribaltarla attaccando il partner. Un segnale chiaro di questa fase è il gesto di puntare il dito.

Trascinano i piedi

Trascinare i piedi o camminare lentamente è un segno di forte stress. Il corpo, infatti, tenta di spostare le energie verso il sistema nervoso. Può anche significare che si desidera allontanarsi fisicamente dalla situazione. Glass ricorda che i piedi sono un punto chiave per rilevare la disonestà.

Ripete le vostre parole

Quando un bugiardo prova a convincere qualcuno della propria versione dei fatti, di solito ripete le parole delle domande che gli vengono fatte. E' anche un modo per rassicurare se stessi che la bugia può risultare credibile.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza