Cerca
Home .

Assenteismo, 42 indagati in Sicilia

ADNKRONOS

42 cosiddetti "furbetti del cartellino", undici ai domiciliari, undici obblighi di firma e 20 denunciati. E' il bilancio dell'ennesima operazione contro l'assenteismo. Blitz condotto dalla Guardia di Finanza. L'indagine è partita dalla segnalazione di una moglie gelosa che, nel novembre del 2016, ha chiamato il 117, numero della sala operativa della guardia di finanza, per denunciare le "strane assenze" del marito dall'ufficio. La donna avrebbe voluto così vendicare un presunto tradimento del coniuge, che lei collegava a improvvise mancanze di lui dal posto di lavoro. Sono quindi scattati i controlli che hanno portato all'inchiesta della Procura. La guardia di finanza è intanto risalita all'identità della donna che aveva chiamato al 117, e suo comunque marito non è tra gli indagati. Gli indagati, secondo l'accusa, grazie alla mutua collaborazione fra loro, tramite lo scambio dei badge e l'utilizzo improprio dei pc aziendali, riuscivano in modo sistematico ad attestare false presenze. Molti dipendenti mentre risultavano in servizio erano invece soliti recarsi al lavoro con circa 3 ore di ritardo, occuparsi di faccende private, come per esempio la spesa o il parrucchiere e in taluni casi anche andare fuori Palermo. Gli accertamenti svolti dalle fiamme gialle, attraverso pedinamenti, riscontri sul territorio e tramite l'utilizzo di microspie, hanno consentito di fare luce sul fenomeno dei cosiddetti dipendenti 'fantasma', rilevando e censendo più di 400 ore fraudolentemente attestate, ma in realtà mai rese. I reati contestati loro, a vario titolo, sono truffa aggravata, accesso abusivo al sistema informatico e false attestazioni e certificazioni.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.