Cerca
Home .

18 maggio, la poesia di Alessandra Necci per la ripartenza

ADNKRONOS
18 maggio, la poesia di Alessandra Necci per la ripartenza

(Fotogramma)

Una poesia per celebrare la ripartenza. Alessandra Necci, scrittrice, avvocato e docente universitaria, ha scelto i versi per 'celebrare' la giornata che segna ripartenza dell'Italia dopo il periodo più difficile per l'emergenza coronavirus.


Necci ha all'attivo una ricca produzione che comprende, tra gli altri, Re Sole e lo Scoiattolo, Nicolas Fouquet e la vendetta di Luigi XIV (2013, Premio Fiuggi), Il Diavolo zoppo e il suo Compare. Talleyrand e Fouché o la politica del tradimento (2015, finalista Premio Acqui Storia), Isabella e Lucrezia, le due cognate. Donne di potere e di corte nell’Italia del Rinascimento (2017, Premio Boccaccio 2018), Caterina de' Medici. Un'italiana alla conquista della Francia (2019).

Poesia per il 18 maggio

"Cari amici,

Che portento,

È arrivato già il momento!

Un momento un po' speciale,

Pare quasi Carnevale,

Pare un po' l'Epifania.

Il più grato che ci sia:

Pare alfin Rinascimento,

Che ci toglie dal tormento.

Dopo i mesi tristi e tesi

- Eravamo ahimè sospesi -

Sembra ormai tornar la luce,

Che laggiù ciascun seduce.

Laggiù in fondo,

Ci precede, Il lucor che s'intravede.

S'intravede,

Forte e bello,

Più prezioso di un gioiello.

Quella luce,

In lontananza,

Tosto illumina ogni stanza.

A ciascun ridona fede,

Il bel lume che si vede!

Fede, gioia

E assai speranza,

Degno premio alla costanza.

La costanza,

La pazienza,

Per non dir la resilienza.

Mentre intorno,

I giorni amari,

Offuscavan gli scenari.

Una cosa però,

Adesso,

Dire voglio al mio consesso.

Certo, questa pandemia

- La più orrenda che ci sia -

Ha cambiato il mondo intero.

(E lo penso per davvero).

Uno spunto,

Tuttavia,

Voglio offrire in empatia.

Empatia che ci sostiene,

Ci rallegra

E ci contiene.

E cioè che una lezione,

Tosto,

Giunge dall'agone.

L' amicizia,

Vecchia e nuova,

Ci rafforza ad ogni prova.

Tutti insieme,

In compagnia,

La più grata che ci sia.

Se da un male

Un bene viene,

Per la Vita si mantiene.

E da un tristo avvenimento,

Apprendiamo già

Il Memento.

L'intelletto con l'affetto,

La memoria e l'armonia,

Il progetto e così via.

La presenza e l'assistenza,

La catena di esperienza,

Il sostegno inveterato;

Nulla, mai, è per scontato.

Il rispetto,

Benedetto,

Che non deve far difetto.

Per il mondo,

La natura,

Affinchè sia ciò che dura.

Minerali, Vegetali,

Animali diseguali.

Che dai tempi di Noè,

Fur salvati

Di per sè.

Solo insieme,

In armonia,

Batterem la pandemia.

Solo insieme,

Si potrà,

Dimostrare nobiltà.

Forza, tempra

E molto ardore

Ci soccorono ogni ore.

A noi piace,

Lo so bene,

Libertà che ci appartiene.

Ma la Responsabilità

- Meno comoda in realtà -

Le è gemella in verità.

Tempo, forza ed energia,

Fanno presto

A volar via!

Or che ho detto il mio pensiero,

Vi saluto,

Il cor sincero.

Vi saluto,

Il cuore grato,

E un abbraccio dedicato!"

(Alessandra Necci)



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.