cerca CERCA
Venerdì 17 Settembre 2021
Aggiornato: 18:39
Temi caldi

40 mila italiani con linfedema, oggi è LymphAday

06 marzo 2017 | 13.29
LETTURA: 5 minuti

alternate text
Medici in Sala operatoria /Fotogramma - FOTOGRAMMA

Anche in Italia quest’anno il 6 marzo si celebra il LymphAday (Lymphedema Awareness Day), la Giornata mondiale del linfedema, una patologia del sistema linfatico caratterizzata dall’avere braccia o gambe gonfie per la stasi linfatica in modo cronico, che colpisce circa 40 mila italiani l’anno (dal 20 al 40% si tratta di pazienti sottoposti a trattamenti oncologici). Per l'occasione i massimi esperti in materia e le principali associazioni di pazienti si incontrano in un evento in collaborazione con il Centro per il trattamento chirurgico del linfedema della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, aperto lo scorso anno e diretto da Marzia Salgarello, direttore Uoc chirurgia plastica e presidente della Babc.

Si tratta di un centro d’avanguardia per il trattamento del linfedema grazie alle competenze microchirurgiche e alla strumentazione di ultima generazione di cui dispone, che offre ai pazienti affetti da questa patologia le nuove tecniche microchirurgiche quali anastomosi linfaticovenulari e trapianto autologo di linfonodi. L’evento, condotto dalla giornalista Annalisa Manduca e aperto al pubblico, si tiene dalle ore 16 presso la hall del Policlinico con l’obiettivo di accendere un faro su una patologia frequentemente sottovalutata: spesso i pazienti - spiega il Gemelli in una nota - non vengono informati della possibile insorgenza del linfedema e quindi non sono educati in modo appropriato sui possibili trattamenti che, se messi in atto in fase iniziale, risultano essere ancora più efficaci.

Il linfedema non è una patologia rara e la sua incidenza è purtroppo in crescente aumento. Il linfedema può insorgere nei pazienti che presentano delle alterazioni del sistema linfatico (linfedema primario), ma sempre di più, si stima dal 20% al 40%, interessa i pazienti affetti da tumore, soprattutto patologie tumorali in cui si renda necessario intervenire con lo svuotamento dei linfonodi ascellari, inguinali e pelvici come per il tumore della mammella, tumori ginecologici, urologici, melanomi e sarcomi.

Basti pensare che dal 2015 ad oggi presso il Gemelli gli oltre 200 pazienti curati hanno avuto una riduzione della circonferenza dell’arto trattato dal 25% al 70%, con un significativo miglioramento dei sintomi e dei segni legati al linfedema. La microchirurgia inoltre riduce l’incidenza di complicanze infettive, e può costituire un notevole risparmio economico per il Ssn e per il paziente: una diagnosi e un trattamento precoce infatti, sono più efficaci e riducono le spese legate alla gestione non appropriata di una malattia cronica.

"Questa giornata è l’occasione per ribadire l’importanza della microchirurgia nel trattamento di questi pazienti - spiega Marzia Salgarello - di divulgare le possibilità di cura per i pazienti sopravvissuti alla malattia tumorale ma poi affetti dalle conseguenze della terapia chirurgica 'salvavita', quale è l’accumulo di linfa negli arti dopo l’asportazione dei linfonodi. Ed è un piacere per tutti noi, medici e fisioterapisti che lavoriamo per migliorare la qualità di vita dei nostri pazienti con il linfedema, avere l’opportunità di incontrare le associazioni dei pazienti e stabilire nuovi collegamenti e nuove modalità di collaborazione".

Il 6 marzo si incontrerano al Gemelli personalità mediche di spicco nel trattamento del Linfedema, tra cui i principali fisiatri e fisioterapisti specializzati in materia come Sandro Michelini, presidente International Society of Lymphology (Isl) e presidente Italian Lymphedema Framework (Italf), e Matteo Bertelli, genetista, fondatore e presidente dell’Istituto di genetica no-profit Magi di Rovereto. Insieme a Marzia Salgarello, anche Enrico Zampedri, direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma e Giovanni Scambia, direttore del Polo scienze della salute della donna e del bambino. Nel pomeriggio sarà la volta dei malati, con le testimonianze delle più importanti associazioni dei pazienti come Lill (Lega italiana lotta al linfedema), l’Associazione Sos Linfedema Onlus, l’Associazione lotta al linfedema e l’Associazione Primi elementi.

Durante la giornata viene presentato il logo ufficiale del LymphAday, Lymphedema Awareness Day, e sarà proiettato il trailer del cortometraggio intitolato “LymphAday 2018” a cura del regista Antonio Centomani. La Giornata istituita lo scorso anno dal Senato americano, viene celebrata in tutto il mondo e promossa, in Italia per la prima volta, dalla Beautiful After Breast Cancer Italia Onlus.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza