cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 15:13
Temi caldi

5G, timori per interferenze: negli Usa pioggia di voli cancellati

19 gennaio 2022 | 15.47
LETTURA: 3 minuti

Stop da Emirates, Air India, All Nippon Airlines e Japan Airlines dopo il monito delle compagnie americane

alternate text
Afp

Negli Stati Uniti è ormai una 'epidemia' di voli cancellati, a causa dei timori delle compagnie aeree circa le possibili interferenze da parte della nuova tecnologia 5G, lanciata da AT&T e Verizon, con i sistemi di bordo dei velivoli con conseguenti rischi per la sicurezza.

Finora Emirates, Air India, All Nippon Airlines e Japan Airlines hanno annunciato la cancellazione di alcune rotte in direzione Stati Uniti nonostante la decisione - comunicata ieri da AT&T e Verizon - di rimandare temporaneamente l'entrata in funzione di alcune torri wireless 5G posizionate nei pressi di alcuni aeroporti. Le decisioni delle compagnie straniere segue l'annuncio fatto dai manager dei principali vettori statunitensi, tra cui American Airlines, Delta e United Airlines, circa i "problemi catastrofici" che il lancio di nuovi servizi 5G potrebbe causare al settore aeronautico.

Le compagnie aeree temono che i segnali 5G in banda C interferiscano con le apparecchiature sensibili utilizzate dagli aeromobili per il decollo e l'atterraggio, in particolare quelle utilizzate in caso di maltempo.

Ieri lo stesso presidente degli Stati Uniti Joe Biden aveva ringraziato Verizon e AT&T per lo slittamento dell'implementazione del 5G in alcuni scali spiegando come questa mossa avrebbe evitato "interruzioni potenzialmente devastanti" ai voli statunitensi.

Oggi Emirates ha spiegato la volontà di sospendere da subito i voli verso diverse diverse destinazioni negli Stati Uniti, tra cui Boston, Chicago, Dallas-Fort Worth, Newark e San Francisco e Seattle, a causa di "preoccupazioni operative legate al previsto varo di servizi di rete mobile 5G negli Stati Uniti in alcuni aeroporti".

Air India ha dichiarato su Twitter che cancellerà i voli per Chicago, Newark, New York e San Francisco "a causa dell'entrata in funzione delle apparecchiature 5G" indicando la possibilità di modificare il tipo di velivoli utilizzati nelle rotte da e verso gli Stati Uniti. In particolare, a giudicare dalle indicazioni fornite dalle giapponesi Ana e Jal, un velivolo particolarmente 'colpito' sarebbe il Boeing 777 mentre il 787 potrebbe essere utilizzato a seguito di opportune modifiche.

E in Europa British Airways è stata la prima a modificare la propria operatività da Heathrow a Boston, Chicago, Los Angeles, New York e San Francisco dopo che la Civil Aviation Authority (Caa) della Gran Bretagna ha annunciato di avere "emesso un consiglio di sicurezza" relativo al 5G.

La compagnia britannica ha sottolineato che "la sicurezza è sempre la nostra priorità. Stiamo monitorando la situazione negli Stati Uniti da vicino e continueremo a rivedere il nostro programma nelle prossime ore. Siamo delusi che alcuni dei nostri clienti stiano affrontando potenziali interruzioni e li aggiorneremo al più presto su eventuali modifiche ai loro piani di viaggio".

Il vettore ha spiegato che alcuni voli originariamente programmati con il Boeing 777 sono stati spostati su velivoli come l'Airbus A380. La preoccupazione per il 5G riguarda il suo potenziale effetto sugli altimetri degli aerei visto che negli Usa viene utilizzata per le comunicazioni una frequenza diversa da quella cui si fa ricorso in Europa (e che non provoca interferenze). Un portavoce della Caa ha infatti sottolineato che "non sono stati segnalati incidenti di sistemi di aeromobili colpiti da trasmissioni 5G nello spazio aereo del Regno Unito. Stiamo lavorando con Ofcom e il Ministero della Difesa per assicurarci che l'implementazione del 5G nel Regno Unito non causi alcun problema tecnico per gli aerei e stiamo mantenendo la nostra posizione sotto costante revisione''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza